OfferteLe offerte 4G dei principali MVNO operatori virtuali garantiscono un risparmio davvero notevole all’utente italiano che deciderà di approfittarne, ottenendo così l’attivazione di una nuova SIM ricaricabile. Le varie Fastweb Mobile, Kena Mobile, PosteMobile e CoopVoce sono i precursori di una soluzione sempre più diffusa sul suolo nazionale.

Nella breccia aperta da Iliad, a tutti gli effetti non è un operatore virtuale, tantissime piccole realtà sono riuscite ad ottenere la fama ed attenzione tanto desiderata e sperata per lungo tempo. Gli utenti paiono essere ora pronti ad approfittare delle offerte low cost, andando così a spendere pochissimi euro al mese, senza però rinunciare ai giga di traffico internet in 4G o minuti di chiamate verso tutti. Scopriamo da vicino le proposte da prendere assolutamente in considerazione.

 

Offerte Operatori virtuali e MVNO: come risparmiare al massimo

  • Kena Mobile: nata da una costola di TIM, l’azienda in questione propone una soluzione da 9,99 euro al mese, la Kena 9,99, con annessi 500 SMS da inviare a chiunque, illimitati minuti per chiamare i numeri in Italia e 50 giga di traffico dati alla velocità del 4G.
  • CoopVoce: la realtà di proprietà di Coop si apre al pubblico con la soluzione da 8 euro al mese, dal nome ChiamaTutti Top, ed al suo interno 20 giga per navigare in 4G e minuti senza limiti verso tutti.
  • Fastweb Mobile: oltre a proporre un’ottima offerta di internet per la casa, l’operatore telefonico ha presentato la Mobile Voce & Giga. Il prezzo di soli 6,95 euro, rivolto ai possessori del suddetto abbonamento, permette l’accesso a 30 giga di traffico internet e 1000 SMS o minuti di chiamate.
  • PosteMobile: la soluzione migliore fra tutte, al pari della Kena 9,99, è la Creami eXtra WoW. Questa, con un costo sempre di 9,99 euro, permette di sfruttare 50 giga credit illimitati per navigare, chiamare e inviare SMS a chiunque.
Leggi anche:  Offerte MVNO e operatori virtuali: le migliori offerte in attesa del 2019

L’attivazione è possibile online, ricordiamo non essere necessaria l’immediata portabilità del numero telefonico originario.