Energia illimitataLe persone di tutto il mondo stanno incominciando ad accorgersi che le risorse a disposizione della Terra sono limitate. Inoltre, situazioni come la guerra in Ucraina non fanno altro che mettere ancora più in difficoltà l’umanità, mettendo anche in evidenza la problematica dell’energia.

Spesso si è parlato di come si potesse ottenere energia illimitata tramite nuovi sistemi e fonti rinnovabili e una nuova scoperta potrebbe fornirci un’ulteriore speranza a riguardo. Si dice che addirittura potrebbe cambiare la vita di tutti i giorni. Andiamo a vederla nel dettaglio.

 

 

Energia illimitata: uno studio potrebbe cambiare le sorti del pianeta

Questa nuova scoperta potrebbe giovare non poco al nostro pianeta. Il fenomeno fisico che da vita a questa fonte di energia è la fusione nucleare. La sua applicazione pratica non è ancora attuabile, ma dimostra già di riuscire a produrre più energia rispetto a quella consumata dall’uomo.

Infatti, pare che sarebbe necessario un combustibile grande quanto una pallina da tennis per riuscire a inviare energia ad un’abitazione per più di 100 anni. Oltre al fatto che la fusione non produce alcun tipo di scoria radioattiva e non emette carbonio.

Questo studio ha preso vita al Lawrence Livermore National Laboratory in California, dove sono già anni che si studia la possibilità di riuscire a produrre energia come accade nel Sole, ovvero con quella prodotta che riesce a superare quella utilizzata. Grazie ad un esperimento piuttosto recente, si è dimostrato quanto questo sia effettivamente possibile.

L’esperimento infatti sarebbe riuscito a dimostrare che è certamente possibile produrre 2,5 megajoule di energia, ovvero circa il 120% dei 2,1 megajoule di energia consumati. A conti fatti, questa potrebbe essere una delle scoperte più importanti di sempre.

Articolo precedenteDati al SICURO e con 256GB, Pen drive USB di Samsung quasi a metà prezzo
Articolo successivoTesla, è meglio che voi non sappiate quando guadagna su ogni auto
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.