NVIDIAJensen Huang, amministratore delegato di Nvidia, ha dichiarato che il prossimo passo dell’azienda è la creazione di un “metaverso“, ambiente creato artificialmente in cui le aziende possono simulare il futuro.

Huang ha dichiarato che la società vorrebbe “creare il futuro” realizzando un mondo virtuale migliaia di volte più grande del mondo fisico. Questo spazio digitale includerebbe ricreazioni di New York City e Shanghai, con cloni di “ogni singola fabbrica e ogni singolo edificio”. Prevede anche che le persone saranno in grado di entrare e uscire dai due mondi attraverso i “wormhole“, sebbene non sia chiaro esattamente come.

“Entreremo nel mondo virtuale utilizzando la realtà e gli oggetti nel mondo virtuale, entreranno nel mondo fisico utilizzando la realtà aumentata. Quindi quello che succederà è che parti del mondo digitale modificheranno temporaneamente il nostro mondo fisico. In ultima analisi, si tratta della fusione del mondo virtuale e del mondo fisico”. Nvidia sta già utilizzando il suo software 3D “Omniverse” per riprodurre fabbriche e macchinari. Simile a un videogioco su larga scala, il software realizza oggetti tridimensionali e persone del mondo reale, utilizzando il simulatore fisico PhysX, in modo che le aziende possano creare versioni digitali delle loro fabbriche e dei luoghi di lavoro.

“La tecnologia fondamentale degli esseri umani è l’intelligenza. Stiamo automatizzando l’intelligenza artificiale in modo da poter aumentare la nostra”. “La cosa davvero interessante è che l’IA è un software che si scrive da solo e si occupa di software che nessun essere umano può capire. È incredibilmente complesso. E possiamo automatizzarla per operare alla velocità della luce. Grazie ai computer possiamo ridimensionarla istantaneamente a livello globale”. L’agricoltura, la produzione alimentare, l’assistenza sanitaria, i trasporti e la logistica potrebbero essere tutti influenzati da questo progetto.

Nvidia pronta a realizzare un vero e proprio Metaverso fatto di cloni digitali

“L’intero obiettivo della scrittura di software è automatizzare qualcosa. Siamo in questo nuovo mondo in cui, nei prossimi 10 anni, vedremo l’automazione dell’automazione”. Non è la prima volta che Nvidia propone una visione di un mondo digitale interconnesso, in cui l’azienda funge da mediatore neutrale. Un rapporto della CNN afferma che gli effetti di questi sviluppi hanno ridotto il tempo necessario per distribuire nuove applicazioni dell’80% e ridotto i problemi di qualità del 5%. Tuttavia, le grandi aziende con accesso a enormi quantità di denaro e risorse potrebbero trovare più facile integrare il mondo digitale e quello reale. Altri potrebbero avere difficoltà.

“Oltre al talento digitale, saranno necessaria una serie di competenze e capacità per guidare la trasformazione delle fabbriche intelligenti. Quindi, ingegneria-produzione, produzione-manutenzione e sicurezza-sicurezza”. “Saranno fondamentali anche la capacità di problem solving e di collaborazione”. Nonostante questi problemi, Ding Zhao, professore con una conoscenza approfondita di AI e simulazioni digitali, ha dichiarato a Wired che la rete tra reale e digitale è “sicuramente la strada da percorrere” per gli sviluppi futuri. Questo perché le simulazioni, dice Zhao, rendono molto più facile per le macchine eseguire milioni di cicli per apprendere un comportamento in un ambiente digitale rispetto ad uno fisico.

“L’apprendimento automatico è affamato di dati e raccoglierli nel mondo reale è costoso e rischioso“. La tecnologia alla base dei cloni digitali esiste da un po’ di tempo ma il loro vero potenziale sta nel testare qualcosa nel mondo virtuale, implementarlo nel mondo fisico e quindi utilizzare ciò che si è appreso. “Un’area entusiasmante è quella in cui i modelli del mondo reale vengono costruiti digitalmente automaticamente”, afferma il professor Ball. La tecnologia come l’apprendimento automatico o l’intelligenza artificiale non è essenziale, ma aggiunge una “ricchezza” di ciò che può essere ottenuto e automatizzato.