bitcoin-valore-record-ascesa
Photo by André François McKenzie on Unsplash

Sembra essere tornati nelle settimane che hanno preceduto il primo vero crollo di valore del Bitcoin nel dicembre 2017. In quei giorni il valore continuava a fluttuare in maniera importante, ma sempre puntando verso l’alto. È così anche in questo periodo e dopo un crollo il 21 di febbraio ecco che è tornato a salite. A tre settimane di distanza ecco il nuovo record, abbattuto il muro dei 60.000 dollari a token.

Nel frattempo il valore è sceso, ma di pochissimo, appena sopra i 58.000 dollari a Bitcoin; a guardare il valore in euro rimane comunque sopra un muro importante, 50.000 euro. Un nuovo valore record che non sembra essere minimamente la fine e gli analisti continuano a parlare di nuove vette. Si parla di 100.000 dollari un paio di anni fa e ci credono ancora ora.

 

Bitcoin: non è un successo per tutti

L’aumento del valore dei Bitcoin farà piacere, un eufemismo, per gli investitori e gli entusiasti di tale criptovaluta, ma per gli altri può essere un incubo. Soprattutto per quanto riguarda le schede video, questo è di per sé un problema, così come per i processori. Se da un lato le GPU non sono richieste per questa moneta nello specifico, il valore trascina anche le altre e la domanda di questi componenti aumenta.

La carenza di chip globali non sta favorendo e di conseguenza la situazione attuale è disastrosa. Il valore dei Bitcoin sale, le schede video disponibili scendono sotto lo zero e chi vuole assemblarsi un computer da gaming non può fare altro che guardare il vuoto o spendere il triplo del valore originale.