Banconote preziose: controllate il portafoglio, talvolta regala sorprese

Solitamente si ha la consapevolezza che i collezionisti principalmente siano più attenti alle monete antiche con delle particolarità che le distinguono. Questa teoria però è completamente infondata in quanto, come vedrete, anche le comunissime banconote da 5, 10 e 100 euro nascondono un valore inimmaginabile. Ecco quindi l’elenco e la descrizione delle banconote preziose in questione.

 

Banconote preziose: le più ricercate dai collezionisti

Dopo questo incipit, vi consigliamo di controllare sempre le monete che vi capitano tra le mani, perché possono davvero essere banconote preziose. Come riconoscerle?

50 euro: la banconota da 50 euro da cui trarre guadagno presenta un errore sul filo di sicurezza. Questo lo si può tranquillamente notare in controluce, in quanto, anziché 50 euro vi sarà la scritta 100 euro. Sappiate che siete dinanzi ad un esemplare da 350 euro. Purtroppo ce ne sono pochi in giro, la Banca d’Italia li ha ritirati.

100 euro: anche in questo caso sono rimasti pochissimi superstiti. Le banconote da 100 presentano un errore di taglio e valgono tra i 300/350 euro.

5 euro: qui la questione è un po’ più complicata. Esistono delle banconote da 5 euro con numero di serie particolari e che possono arrivare ad un valore di 100 euro. Ma è fondamentale controllare le prime sei cifre e la lettera che indica lo Stato di emissione (per quel che riguarda l’Italia è la lettera S).

Ovviamente nessuna banconota preziosa sarà più considerata tale se tenuta in pessime condizioni.

Concludiamo dicendovi che le banconote preziose più ricercate sono quelle con il numero di serie composto da cinque cifre uguali, ovvero che risulta uguale in qualsiasi senso viene letto. Ma anche banconote con almeno quattro numeri consecutivi, banconote poker, che abbiano quattro numeri uguali e infine quelle che abbiano il numero di serie composto solo da 0, 1 e 2.