blank

Quando si acquistano dei prodotti abbastanza costosi, è solito richiedere la fattura. Probabilmente la maggior parte di voi non è a conoscenza del fatto che, anche il colosso dell’e-commerce Amazon, permette di farlo.

Nelle ultime settimane il “Decreto Rilancio” ha aperto la strada a bonus di vario genere e ora la fatturazione è una strada che molti utenti vorrebbero percorrere. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Amazon permette di richiedere la fattura anche ad un cliente privato

La fattura è per esempio necessaria per ottenere il buono mobilità per bici e monopattini, per ecobonus/sismabonus e per altre misure approvate dal Governo nei giorni scorsi. Le strade percorribili attualmente sono due: è possibile sia impostare la fatturazione automatica per tutti gli ordini futuri, sia richiedere la fattura su un ordine singolo. Nulla di complicato, anzi; ma vediamo come fare.

Prima di spiegare come fare per richiederla è doveroso per noi farvi una premessa, chiedere una fattura come cliente privato non comporta alcuna variazione in termini di garanzia ed assistenza e non è necessario possedere una partita IVA, ma è sufficiente essere in possesso di codice fiscale. Per richiedere la fattura su Amazon come cliente privato, possiamo ad esempio impostare la fatturazione automatica per tutti gli ordini.

Una volta effettuato l’accesso bisogna recarsi sulla pagina “Il mio account” e accedere a “Gestisci informazioni IVA” della sezione “Ordini e preferenze di acquisto“. Da questa pagina basterà selezionare il proprio Paese di residenza nel paragrafo “Inserisci il numero di registrazione fiscale” e compilare il formulario che segue con i dati richiesti. Una volta fatto questo, e toccato su “Invia“, Amazon inizierà la procedura di convalida che consiste, in sostanza, nella verifica delle informazioni inserite (sono necessari da 1 a 4 giorni lavorativi). In caso positivo, lo stato della pratica verrà aggiornato in “Attivo”.