lucio-battisti-streaming-spotify-apple-music

Dopo una lunga assenza, ecco che finalmente tutte le canzoni di Lucio Battisti approdano sulle principali piattaforme di streaming musicale. Gli utenti chiedevano a gran voce da anni questo artista in catalogo ma senza successo, considerando i problemi legali e di diritti. Tuttavia, a partire dal 29 settembre, i fan e gli appassionati di musica italiana sono stati accontentati.

La situazione si è sbloccata per dodici album tra i più famosi, nati dalla collaborazione tra da Battisti e Mogol. Le piattaforme su cui sarà possibile ascoltare i successi sono Amazon Music, Apple Music, Deezer, Spotify e Tim Music. La data scelta per il lancio non è casuale, infatti “29 settembre” è il titolo del primo successo della coppia.

Lucio Battisti finalmente arriva sulle piattaforme di streaming

I responsabili di Sony Music hanno annunciato entusiasti questo nuovo debutto. L’ Editore Acqua Azzurra ha conferito il mandato alla Siae per la raccolta e ripartizione dei diritti delle varie canzoni su tutte le principali piattaforme online.

Leggi anche:  Netflix delude i suoi utenti: troppe serie televisive e film eliminati

Tuttavia, a conferma che il problema principale è quello dei diritti, le canzoni nate dalla collaborazione tra Battisti e Panella non sono disponibili su Spotify e sulle altre piattaforme. In questo caso, l’Editore Aquilone è l’intestatario dei diritti e non ha concesso i mandati per operare online.

Non è chiaro se questa situazione troverà una soluzione nel breve periodo, ma certamente l’arrivo di dodici album di Lucio Battisti è un segnale forte. Le canzoni risultano già tra le più ascoltate online e questo anche grazie alla presenza di capolavori senza tempo come “La canzone del sole” o “Il mio canto libero” e tante altre.