BMW-Garmisch-concept-car

BMW ha appena fatto qualcosa che non si vede spesso nell’industria automobilistica al Concorso d’Eleganza Villa d’Este. Il marchio tedesco ha ricreato una concept car che aveva originariamente debuttato nel 1970, denominata BMW Garmisch.

L’originale BMW Garmisch era un concept progettato da Marcello Gandini per Bertone che debuttò al Salone di Ginevra del 1970. Gandini è responsabile di auto leggendarie come la Lamborghini Miura e Countach, Lancia Stratos e molti altri modelli. Ovviamente, questo Garmisch non assomiglia ad alcune delle opere più note di Gandini.

BMW vuole omaggiare Gandini

Ricreare questo coupé di concept è stato un compito difficile per BMW, siccome non ci sono quasi record della macchina originale. Esistono ancora solo alcune immagini del 1970, e sono per la maggior parte in bianco e nero. Tuttavia, con il ricordo personale di Gandini (che ora ha 80 anni), la BMW è stata in grado di assemblare un’auto che secondo Gandini è difficile distinguere dall’originale.

Perché la BMW ha fatto questo? Per rispettare Gandini come uno dei designer di auto più influenti d’Italia. “Marcello Gandini per me è uno dei grandi maestri del design automobilistico, e le sue macchine sono sempre state un’importante fonte di ispirazione per il mio lavoro”, afferma Adrian van Hooydonk, vicepresidente senior di BMW Design.

“Costruire la BMW Garmisch per la seconda volta ci ha dato l’opportunità di rendere omaggio a Gandini, richiamare una delle sue auto meno conosciute ed evidenziare l’influenza stilistica di Bertone sull’evoluzione del design BMW.”

Leggi anche:  Auto: addio Benzina e Diesel in favore di elettrico, idrogeno e nucleare

Ecco alcuni elementi stilistici

Subito, l’elemento stilistico più distintivo della vettura è la strana interpretazione della griglia a forma di rene firmata BMW. Il design a rete a nido d’ape per il lunotto posteriore è un marchio di design Gandini, e si presenta anche qui sul Garmisch. BMW ha usato un telaio del 2002 per costruire l’originale sopra, e ha fatto lo stesso con questo nuovo Garmisch.

Altri tocchi concreti di auto-concept includono la radio orientata verticalmente, il massiccio specchio a scomparsa nel cassetto portaoggetti a forma di cassetto e le feritoie nel montante C. Il nome Garmisch prende in prestito il nome di un villaggio di sci tedesco di alta classe che ospitò le Olimpiadi invernali del 1936.

Nulla è mai stato costruito che assomigli direttamente al Garmisch, ma le sue linee di stile si possono trovare nelle Serie 5 e 6 degli anni ’70. Alcune parti per questo nuovo concetto sono state costruite utilizzando tecnologie di stampa 3D, ma tutto è stato assemblato da abili artigiani a Torino, in Italia. Questo è lo stesso luogo in cui l’originale Garmisch è stata assemblata prima del Salone di Ginevra del 1970.