Nel 2009, Internet era un posto diverso. L’iPhone aveva solo due anni e il primo telefono Android, il T-Mobile G1, aveva da poco visto la luce. A quei tempi c’era Internet Explorer 6. Un Ex-YouTuber Chris Zacharias ha pubblicato un post sul suo blog personale in cui spiega che lui e altri su YouTube hanno cospirato per liberarsi di Internet Explorer 6.

Innanzitutto, parliamo di ciò che rende Internet Explorer 6 così universalmente odiato e ripetutamente deriso. Il browser è stato sviluppato in un periodo in cui Microsoft non aveva una vera concorrenza sul mercato. A peggiorare le cose, le tecnologie web sottostanti hanno cambiato idea velocemente tra Internet Explorer 6 e browser più moderni e aggiornati regolarmente come Chrome e Firefox. Così, molti sviluppi recenti del web hanno finito per funzionare male su IE6. Quest’ultimo però aveva una quota di mercato di oltre il 20 percento.

Dopo molte notti insonni su hotfix relativi a IE6, il team di YouTube ha sviluppato un piano. Aggiungevano semplicemente un piccolo banner che veniva mostrato solo agli utenti di IE6, affermando che il browser non sarebbe stato supportato in futuro e che gli utenti dovevano passare a un browser più moderno (un esempio è nella schermata sottostante). Il team voleva vedere come avrebbero reagito le persone. Si sarebbero rivoltate contro il cambiamento? Oppure avrebbero semplicemente aggiornato i loro browser?

Le cospirazioni su YouTube hanno portato Internet Explorer 6 alla rovina

Di solito, ci sono controlli e contrappesi in un’azienda che impediscono agli ingegneri di implementare qualsiasi cambiamento desiderino. YouTube era diverso però. Dopo essere stato acquisito da Google tre anni prima, i cosiddetti “OldTubers“, gli sviluppatori che erano stati con la società sin dall’inizio, hanno creato un’autorizzazione che consentiva loro di apportare modifiche senza ulteriori verifiche. Tutti erano d’accordo. Hanno usato questa scappatoia per far passare quel banner contro Internet Explorer 6. Dal momento che quasi nessuno di YouTube utilizzava il browser, pensavano che non sarebbero stati scoperti subito.

Leggi anche:  Ecco quanto guadagnano gli YouTuber più famosi del web

In realtà, due giorni dopo sono stati inondati di email in cui si chiedevano chiarimenti sul perché di quel banner. A distanza di tempo risultano in realtà degli eroi del web perché hanno spinto gli utenti verso browser più sicuri e più veloci. La visita successiva è arrivata dagli avvocati della compagnia, che volevano assicurarsi che la scelta dei browser nel banner fosse casuale, in modo da non avere problemi con i regolamenti.

La quota di mercato di IE6 è rapidamente colata a picco, anche al di fuori di Google. Se questa storia fosse andata in un altro modo, i cospiratori avrebbero potuto perdere il lavoro. Ma dal momento che tutto è andato bene, oggi possiamo solo ringraziarli. Dovremmo tenere a mente che oggi potremmo trovarci di fronte a problemi con il browser: Chrome ha una quota di mercato superiore al 60 percento e il suo motore alimenta molti browser concorrenti. A volte Google crea addirittura siti Web esclusivi per il suo browser prima di ottimizzare per altri, come Google Earth.