instagram

Il social network Instagram ha introdotto oggi “per errore” un aggiornamento della sua applicazione disponibile già per diversi utenti che ha modificato il tradizionale spostamento verticale dell’immagine. Il tutto, infatti, si snoda su un movimento di immagine in orizzontale, provocando lamentele su Internet e inducendo l’azienda a scusarsi e tornare al metodo al solito.

Invece di far scorrere il dito dal basso verso l’alto dello schermo per vedere le ultime notizie, questo giovedì diversi utenti di Instagram hanno lamentato il fatto che dovevano andare avanti facendo scorrere il dito da destra a sinistra o toccando lo schermo una volta.

Nonostante la comparsa di un piccolo cambiamento, molti degli utenti colpiti hanno reagito con rabbia su Twitter e altri social network, inviando i loro reclami ai responsabili di Instagram e persino minacciando di lasciare la piattaforma per mostrare il loro rifiuto di questo cambiamento.

In risposta, il product manager della società di proprietà di Facebook, Adam Mosseri, si è scusato e ha dichiarato che l’intenzione era di eseguire “un test molto piccolo, ma che era pianificato“.

Leggi anche:  Instagram detta delle nuove regole, ecco i contenuti vietati

In una dichiarazione successiva, la società ha affermato che “a causa di un errore, alcuni utenti oggi hanno sperimentato un cambiamento nel modo in cui il loro contenuto è apparso“, ed ha indicato che il problema “è stato risolto” per tornare alla “normale” visualizzazione e si sono scusati “per ogni confusione” causata.

 

Un aggiornamento indesiderato

Giovedì mattina l’hashtag “aggiornamento Instagram” è stato di tendenza su Twitter negli Stati Uniti, e molte delle lamentele si sono concentrate sul fatto che il sistema a scorrimento orizzontale rendeva più difficile per gli utenti saltare quelle immagini che non interessavano, come per esempio pubblicità.

Instagram, fondato nel 2010 dall’americano Kevin Systrom e dal brasiliano Mike Krieger, è stato acquisito da Facebook nel 2012 e attualmente ha più di 1 miliardo di utenti in tutto il mondo.