Vodafone

Le chat e i dati personali degli utenti di tutto il mondo sono potenzialmente a rischio per una falla presente nel 4G. Non c’è protezione che regga: il problema non è dettato dagli operatori del proprio paese, ma si risiede proprio nei protocolli dell’LTE. A rischio vi sono tutte le operazioni che vengono effettuate sul telefono di un utente, anche le più semplici su Facebook.

Una falla nei protocolli mette in pericolo gli utenti che utilizzano questo tipo di connessione

Come riportato, la falla è proprio nei protocolli e più specificamente in tre di questi che permettono relativamente di: collegare il telefono alla rete; trasmettere informazioni attraverso la rete; disconnettere il telefono dalla rete. Questa problematica rende vulnerabile l’intero sistema, compromettendone l’integrità totale.

Gli hacker interessati, difatti, possono sfruttare questa vulnerabilità per svolgere una serie di attacchi molto pericolosi e comprovati, quindi non sono solo complotti e fantasie. Tra questi tipi di attacco non mancano:

  • la rilevazione della posizione geografica della persona;
  • vedere cosa fa sullo smartphone;
  • prelevamento di eventuali dati personali come password, codici e foto;
  • spiare le telefonate dei soggetti.
Leggi anche:  4G: accesso Internet compromesso sulle reti Iliad, TIM, Vodafone, Wind e Tre

Praticamente persino le chat di Facebook e Whatsapp potrebbero finire per essere compromesse, nonostante la crittografia che le protegge. Come già assodato, questo problema non può essere prevenuto o curato in alcun modo… solo con l’avvento del 5G i soggetti potranno iniziare a navigare in modo veramente sicuro.

Vi segnaliamo, infine, che per approfondire la questione potete visitare il sito degli studiosi che hanno scoperto la falla e l’hanno denominata aLTEr Attack (omonimo nome del sito.)