OnePlus 6

OnePlus 6 si aggiorna ricevendo la seconda OxygenOS Open Beta basata su Android 9 Pie. La prima versione è stata rilasciata a inizio mese con qualche problema di troppo, inconvenienti che questa seconda release risolve ottimizzando svariate funzionalità. Rimane comunque un Open Beta e come tale è sconsigliata per chi ricerca la massima stabilità.

Si tratta di un programma di sviluppo software aperto a tutti, ma a tutti coloro che possono convivere con anomalie e bug più o meno importanti. In questa Open Beta con Android 9 Pie, OnePlus 6 ha problemi con alcune applicazioni di terze parti e con Google Pay, che non funziona.

 

OnePlus 6 si aggiorna alla seconda OxygenOS Open Beta basata su Android 9 Pie

Gli sviluppatori hanno migliorato la stabilità delle connessioni WiFi e ottimizzato il consumo energetico di OnePlus 6 quando è in background. Ottimizzata anche la modalità pocket per ridurre i tocchi accidentali mentre per quanto riguarda il launcher, è stata ottimizzata l’interfaccia utente del multitasking.

Migliorata l’interfaccia utente per i Verification Codes in messaggi e migliorie anche per la qualità dell’immagine quando si utilizza la fotocamera anteriore. Naturalmente, persistono tutte le novità introdotte con la prima release e quindi tutte le novità apportate da Google con Android 9 Pie.

Leggi anche:  Rimandato il lancio di OnePlus 6T, non può competere con Apple

 

OnePlus 6, come installare la seconda OxygenOS Open Beta con Android 9 Pie

Questo aggiornamento è già in distribuzione ma viene notificato solo ai possessori di OnePlus 6 che hanno installato la prima Open Beta. Tuttavia, coloro che vogliono passare al canale in via di sviluppo per provare Android 9 Pie non dovranno fare altro che aggiornare manualmente scaricando i nuovi firmware da questa pagina.

Si dovrà scaricare l’ultima Open Beta disponibile per OnePlus 6 e copiarla nella memoria interna dello smartphone. Successivamente entrate nelle impostazioni di sistema, scegliete il menu aggiornamenti e fate click sulla voce aggiornamento locale. Dalla finestra apertasi si deve selezionare e confermare il file copiato in precedenza.