android autoNegli ultimi anni il marchio automobilistico iberico ha mostrato grande lungimiranza. Uno dei frutti dei questa lungimiranza è la gamma SEAT Leon.

Non è un mistero per nessuno che gli smartphone siano parte integrante delle nostre vite. A questo utile mezzo ci appoggiamo in molte delle nostre attività quotidiane, che sia la nostra vita lavorativa o quella privata. Di questi cambiamenti deve tenerne conto chiunque voglia vendere beni e servizi, volgendo a proprio vantaggio la sfida della tecnologia e dell’aggiornamento. Si può quindi dire che la casa automobilistica spagnola abbia accolto con convinzione queste suggestioni. Ecco con l’ultima SEAT Leon e con tanti altri modelli è divenuto possibile collegare il proprio smartphone all’automobile.

Stiamo parlando dei modelli Alhambra, Arona, Ateca, Ibiza, Toledo e ovviamente della Leon, uno dei modelli di punta della casa automobilistica facente parte del gruppo Volkswagen. Proprio con questi modelli sono stati affrontati due dei temi più caldi del dibattito sull’auto: la tecnologia a bordo e la sicurezza. Android Auto di cui parliamo oggi è proprio la strumento che unisce questi due obbiettivi. Uno dei più grandi problemi di sicurezza alla guida è proprio la distrazione alla guida, causata dall’uso del telefonino. Si stima che gli autisti distratti dalla smartphone siano tra le cause più frequenti di incidenti e si chiedeva da tempo alle casa automobilistiche di intervenire.

Così ha fatto SEAT in collaborazione con Android. Con Android Auto è possibile collegare il proprio telefono all’auto prima di mettersi alla guida, sia tramite cavetto USB sia via Bluetooth. Così facendo si visualizza sullo schermo del mezzo una schermata che riprende le funzioni più utili del proprio cellulare. Voi direte: così il problema è risolto solo in parte perché per interagire con il display dell’auto è necessario comunque staccare le mani dal volante. Il problema è stato risolto con l’adozione del comando vocale di alta qualità, che permette di controllare lo schermo senza muoversi dalla guida del mezzo.

Le funzioni offerte sono molte e sono state scelte in base a quelle che solitamente vengono utilizzate quando si è alla guida. C’è un servizio di letture dei messaggi SMS e delle e-mail, così che l’autista possa ascoltarle senza distrazione, come se fosse la radio. E’ possibile, sempre tramite il comando vocale, effettuare chiamate come se si usasse il proprio telefonino. Si può usare il telefono collegato come un normale navigatore, con la possibilità di salvare i propri percorsi sulla mappa. Infatti si possono usare alcune tra le applicazioni più usate come Google Maps oppure il nuovo Waze, che unisce le funzionalità di un normale navigatore con quelle di un social network. Non viene trascurato nemmeno il lato ricreativo dello stare alla guida. Android Auto da accesso ad alcune applicazioni attraverso le quali ascoltare la propria musica preferita, per esempio Google Play Music e Spotify.

Ovviamente per utilizzare Android Auto sono necessario un veicolo e uno stereo compatibile per quanto riguarda lo smartphone deve essere una versione Android 5.0 o successiva. Infine è queste funzioni sono disponibili anche per iPhone con un servizio analogo. Spero che questo articolo vi sia stato utile e che scopriate presto di persona tutte le funzioni offerte dalla SEAT Leon.