Le società che producono BitCoin stanno fallendo

Dopo che il Bitcoin è crollato e i costi energetici sono aumentati vertiginosamente durante l’estate, le società di mining che hanno contratto costosi prestiti a breve termine per acquistare hardware durante la corsa al rialzo ora vacillano sulla bancarotta. Gli istituti di credito hanno il fiato sul collo e i miners hanno bisogno di contanti veloci. Ma solo una manciata di aziende sta acquistando piattaforme simili in questi giorni e CleanSpark di Bradford, che ha assunto solo una piccola quantità di debito durante la corsa al rialzo, è una di queste.

Avendo sempre venduto il 70% dei Bitcoin che estraeva utilizzando per lo più energia nucleare a basso costo, CleanSpark si trova nell’invidiabile posizione di essere abbastanza ricco da lanciarsi nell’acquistare macchine nuove di zecca da mining a prezzi ragionevoli.

All’inizio del mese, CleanSpark ha speso 5,9 milioni di dollari per 3.843 macchine che secondo Bradford costano circa 1.500 dollari ciascuno, in calo rispetto ai 13.000 dollari dello scorso novembre durante il picco di Bitcoin. Anche il gigante della criptofinanza Grayscale sperava di acquistare macchine a buon mercato, ma poi si è tirato indietro a causa dei problemi economici della sua società madre, mentre Bitdeer ha istituito un fondo da $ 250 milioni per sfruttare la crisi.

Una questione di costi

Nel frattempo, la pressione ha continuato a crescere solo presso le aziende che hanno fallito il crollo del Bitcoin. Core Scientific, il più grande d’America, ha assunto un rapporto debito/capitale netto quasi 12 volte superiore a CleanSpark durante la corsa al rialzo e ora rischia il fallimento se non raccoglie fondi entro la fine dell’anno, avendo perso $ 1,7 miliardi in 2022 da solo. Mentre Argo, ha detto agli investitori che chiuderà se non riesce a vendere macchine che non ha nemmeno tirato fuori dalla scatola. Un’altra, Iris, è stata inadempiente per un prestito di 108 milioni di dollari.

E c’è lo stato del Texas, il cui audace esperimento per accogliere i macchine di Bitcoin per aiutare a bilanciare i rischi della rete elettrica si è trasformato in un disastro delle dimensioni di Lone Star State. Sulla scia dell’aumento dei prezzi dell’energia e dell’onere del debito tra i minatori, un dirigente statale si è lamentato di una situazione in cui “trasformatori, interruttori, data center mobili e container per l’estrazione mineraria sono semplicemente spenti”.

FONTEfortune
Articolo precedenteMolte persone stanno soffrendo di una sindrome da depressione dopo aver visto Avatar
Articolo successivoUlama, piattaforma di e-learning per creator totalmente Made in Italy
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it