fall-guys-assalto-egx-londra-successo-continua

In mezzo al trambusto della convention di gioco EGX di Londra, è facile perdersi nel labirinto di giochi e le folle in fila per cimentarsi in giochi grandi e piccoli, indie e AAA. Anche le tribune stesse corrono il rischio di passare in secondo piano, ma questo non è un problema per Fall Guys: Ultimate Knockout.

La presenza EGX di Fall Guys è a dir poco intimidatoria. In collaborazione con Virgin Media, lo sviluppatore Mediatonic ha lanciato un’enorme sfida in stile Travelator in cui i partecipanti devono percorrere una ripida salita che si muove nella direzione opposta per rivendicare una corona di carta dorata. È quasi come partecipare a una competizione in-game di Fall Guys.

Fall Guys ha grandi piani per il futuro

È un’esperienza assolutamente bizzarra da vedere, ma perfettamente adatta al gameplay del titolo. Quindi, come ha fatto un caotico battle royale a piattaforme a diventare il fulcro di una delle più grandi convention di gioco d’Europa? Quando Fall Guys: Ultimate Knockout è stato lanciato nell’agosto 2020, è giusto dire che momentaneamente ha preso d’assalto il mondo dei giochi.

Fall Guys è riuscito a raggiungere un numero massimo di giocatori simultanei di poco più di 172.000 su Steam al momento del lancio. Su PS4, i server hanno faticato a far fronte al numero di giocatori PlayStation che cercavano di entrare quando il gioco è stato rilasciato come offerta PS Plus gratuita.

Il rapido esordio dei giocatori è stato sicuramente uno shock per il team di Mediatonic, ma non è stato niente in confronto all’ondata pubblicitaria che ne è seguita, quando streamer e influencer di grandi nomi hanno iniziato a partecipare all’azione caotica. Ma non è stata solo una fortuna cieca che ha visto Fall Guys diventare un così grande successo.

Mediatonic si è trovata a lanciare un gioco nella tempesta perfetta, poiché la pandemia di Covid-19 ha costretto milioni di giocatori in tutto il mondo a rimanere a casa, con molti che cercavano conforto in titoli salutari che permettessero loro di sfuggire al turbolento mondo esterno – un fenomeno abbiamo visto con Animal Crossing: New Horizons.