Crisi dei chip, semiconduttori, SoC, Qualcomm, Apple, Samsung, Intel, BMW, Mercedes, Audi, FCA, Stellantis

Acquistare una nuova macchina in questo periodo è una operazione più complicata di quanto non sia mai stato. La Crisi dei Chip sta mettendo a dura prova tutti i produttori automotive che stanno subendo gravemente la mancanza di semiconduttori.

Ordinare una vettura da un concessionario può diventare una sfida enorme, per i clienti e per i brand. La catena di approvvigionamento non riesce a soddisfare tutti gli ordini e i tempi di produzione si dilatano enormemente.

Questo comporta che i tempi di attesa per un veicolo nuovo possono crescere a dismisura. In alcuni casi, i clienti devono aspettare anche un anno per ricevere la vettura dei propri sogni. Il motivo è ovviamente legato alla Crisi dei Chip e all’impossibilità di equipaggiare determinati accessori e optional.

 

Ordinare una vettura nuova dal concessionario può diventare una sfida enorme a causa delle crisi dei chip

Infatti, i chipset sono elementi fondamentali per l’assemblaggio di una vettura moderna. Attraverso i semiconduttori vengono controllati tutti gli aspetti della dinamica del veicolo e della gestione degli strumenti di bordo.

Le previsioni degli analisti indicano che la Crisi dei Chip potrebbe peggiorare entro la fine dell’anno. Il settore automotive sta facendo registrare dati preoccupanti e la problematica non accenna a diminuire.

I ritardi negli ordini stanno colpendo tutti i produttori, come dimostra il nuovo report di Reuters. Acquistare una nuova vettura del gruppo Mercedes-Benz può portare ad attese infinite e ne è consapevole perfino il CEO Ola Kallenius. Secondo il brand, la Crisi dei Chip potrebbe continuare fino al 2023 quindi i nuovi proprietari sono avvisati.