blankLa navicella spaziale SpaceShipTwo di Virgin Galactic è stata isolata dalla Federal Aviation Administration (FAA) a causa delle indagini ancora in corso sul volo di prova. Il volo è lo stesso che ha portato il CEO dell’azienda, Richard Branson, nello spazio.

I funzionari della FAA stanno esaminando il motivo per cui il velivolo è uscito dallo spazio aereo approvato durante la sua discesa sulla Terra. Virgin Galactic “non può riportare in volo il veicolo SpaceShipTwo fino a quando la FAA non approva il rapporto finale dell’indagine su quanto accaduto. Non potrà essere utilizzato finché non saranno risolti i problemi relativi all’incidente”, spiega un portavoce della FAA.

L’indagine è stata avviata poiché i piloti del velivolo erano stati allertati del cambio di rotta dalle apposite luci rosse e gialle, per poi precipitare. Le luci segnalavano un cambio di rotta imprevisto e sbagliato che ha causato l’incidente pochi minuti dopo. Fortunatamente, il veicolo è atterrato in sicurezza dopo aver raggiunto un’altitudine di 50 miglia sopra la superficie terrestre. Il volo incriminato ha visto il signor Branson realizzare il suo sogno e nel processo ha battuto il rivale Jeff Bezos. Infatti, Virgin Galactic ha anche spostato il volo per superare il fondatore di Amazon e Blue Origin.

Virgin Galactic: indagini in corso dopo l’atterraggio avventato del volo di prova che ha avuto luogo a luglio

Virgin Galactic ha dichiarato che l’indagine della FAA “non ha alcun impatto sui futuri voli di prova”. La società ha rilasciato una seconda dichiarazione sulla questione. “La prendiamo sul serio e stiamo attualmente affrontando le cause del problema per determinare come evitare che ciò accada nelle missioni future, che avranno luogo senza dubbi”. “Abbiamo lavorato a stretto contatto con la FAA per supportare una revisione approfondita del volo e del veicolo e una risoluzione tempestiva del problema”.

Il prossimo mese il veicolo Unity 23 della compagnia dovrebbe trasportare tre membri dell’Aeronautica Militare Italiana in quanto primi passeggeri muniti di biglietto a pagamento per viaggiare con Virgin Galactic. Dopo essere tornato sulla Terra sano e salvo, Branson ha bevuto champagne e c’è stato un concerto di Khalid, ma né lui né Virgin Galactic hanno menzionato le luci di avvertimento che si sono spente improvvisamente in fase di atterraggio. Come se non fosse mai successo. Si spera che il prossimo volo di Unity 23 non faccia la stessa fine. Circa 600 persone sono già in possesso dei biglietti per salire a bordo.