IPTV: i rischi degli utenti con gli abbonamenti pirata, scoperti in 2000

Il mondo della pirateria sta diventando sempre più appetibile per gli utenti, i quali vanno incontro al caos dei diritti tv divisi tra i principali licenziatari. In tanti, anche quelli più restii a sposare la classica piattaforma IPTV, stanno ricercando i prezzi e qualcuno che gli dia l’opportunità di sottoscrivere uno degli abbonamenti illegali. Purtroppo le persone non sanno ancora che si rischiano sanzioni molto alte da parte della legge, la quale tramite la Guardia di Finanza sta indagando su tutto il territorio italiano. Le indagini inoltre starebbero gratificando il grande sforzo profuso da parte delle forze dell’ordine, le quali sarebbero a buon punto.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: rischi dopo rischi per coloro che utilizzano gli abbonamenti pirata, ecco le multe

Secondo quanto riportato, la Guardia di Finanza avrebbe individuato due piattaforme pirata tra Sicilia e Svizzera. Queste al loro interno includevano circa 2000 utenti, i quali saranno tutti multati con una sanzione superiore ai 1000 €. I gestori del servizio che erano circa 22 sono in attesa di giudizio e riceveranno una sanzione che andrà da 2000 a 25.000 €. Molto probabilmente dunque si tratta dell’ulteriore dimostrazione che scegliere la pirateria può portare a problemi molto più grandi del pagamento di un abbonamento.