IPTV: pirateria e problemi con la legge, utenti al sicuro con le VPN

Nell’ultima settimana operazioni della Guardia di Finanzia hanno smantellato una serie di reti per lo streaming IPTV. In occasione degli Europei di calcio, tanti italiani hanno scelto lo streaming illegale dei canali Sky per non perdersi nemmeno una partita del torneo.

 

IPTV, nuovo stop per lo streaming illegale

Come risaputo, lo streaming illegale comporta una serie di vantaggi, ma prevede anche importanti e seri rischi. Il risparmio sui costi mensili di un abbonamento alla pay tv, quindi, non è l’unico fattore da tenere in considerazione.

Chi si affaccia per la prima volta all’IPTV può insorgere anche in una serie di pericolose truffe. Molti malintenzionati che si celano dietro tale tecnologia sfruttano le conversazioni di Telegram e WhatsApp per ingannare i possibili utenti. Tante persone, a tal proposito, hanno pagato un ticket per l’IPTV senza ricevere alcun servizio in cambio.

Come disposto anche dalle recenti operazioni della Guardia di Finanza, c’è poi l’aspetto giudiziario. Per i trasgressori prevista un’ammenda sino a 30mila euro con la possibile reclusione per i recidivi sino a tre anni.

Gli utenti che guardano via IPTV i canali di Sky e di DAZN senza un ticket regolare, oltre che i famosi pezzotti, si affidano anche ai canali VPN.

Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.