Huawei, HarmonyOS, open source, Android 11, Google, HMS, GMS, EMUI 11

In questi giorni si è tenuta la Huawei Developers Conference 2020 e il brand ha mostrato al mondo la propria idea per il futuro del settore tech. In particolare, ci si è concentrati sul settore mobile con tantissime informazioni su HarmonyOS e EMUI 11.

Le novità sono tante, ma una su tutte ha lasciato gli utenti molto contenti. Huawei infatti ha annunciato ufficialmente la nuova versione della propria interfaccia proprietaria EMUI 11. L’ultima versione arriverà presto sui device del brand e una Closed Beta è già partita in Cina per le famiglia P40, Mate 30 e MatePad Pro.

Al momento, l’unica incertezza riguarda in che modo Huawei potrà gestire l’aggiornamento di Android in seguito al Ban. In un comunicato infatti si legge che la EMUI 11 potrà contare su alcune feature prese in prestito da Android 11. Questo lascia intendere che il sistema operativo non sarà basato sull’ultima versione rilasciata da Google ma ancora su Android 10.

Il futuro di Huawei si chiama EMUI 11 e soprattutto HarmonyOS

Inoltre, Huawei ha ufficializzato che alcuni device basati sulla EMUI 11, in futuro, potranno essere aggiornati ad HarmonyOS. Al momento non è chiaro quali smartphone rientreranno in questo update ne tanto meno sono state diffuse delle tempistiche certe. Questa scelta conferma quanto il nuovo OS sia importante per l’azienda anche nell’ottica di separazione dai servizi esterni come Google.

Infatti, il nuovo sistema operativo pensato da Huawei inizierà a diffondersi su tantissimi device a partire da quest’anno. Il salto più grande però sarà rappresentato dall’adozione di HarmonyOS anche sugli smartphone a partire dal 2021