Huawei, HiSilicon, Kirin, TSMC, USA, Ban

Secondo le ultime notizie provenienti dalla Cina, Huawei continuerà a supportare attivamente la controllata HiSilicon. La conferma arriva direttamente da Guo Ping, membro del consiglio di amministrazione del colosso Cinese. Durante una recente intervista, il dirigente inoltre ha sottolineato che l’impegno del brand è quello di supportare tutti i propri partner per migliorare e sviluppare i propri business.

La scelta di continuare a finanziare HiSilicon è strettamente legata alla produzione dei chip Kirin. Infatti il chipmaker è responsabile della realizzazione dei SoC ampiamente utilizzati da Huawei nel corso degli anni. Tuttavia, nell’ultimo periodo, HiSilicon sta attraversando alcune difficoltà.

Huawei continua a credere in HiSilicon nonostante le recenti difficoltà

I problemi e rallentamenti nella produzione sono legati principalmente alla questione USA e al Ban imposto dagli States. Le sanzioni Americane di fatto impediscono a Huawei di sfruttare componenti realizzate da aziende USA. Inoltre, il blocco commerciale si è inasprito maggiormente. Gli ultimi vincoli impediscono a Huawei di acquistare e utilizzare prodotti realizzati utilizzando tecnologie USA.

Questo divieto ha costretto il gigante tech a modificare la propria Supply Chain rinunciando a TSMC come partner commerciale. Per questo motivo, HiSilicon diventa ancora più cruciale per il gigante cinese. Huawei crede che gli investimenti e il supporto del brand verso l’azienda permetteranno al chipmaker di riprendersi e superare brillantemente gli ostacoli.

Secondo il dirigente, la crisi si risolverà presto ma c’è bisogno di essere forti e compatti. Infatti è emblematica una sua dichiarazione: “Non saranno gli Stati Uniti a sconfiggere Huawei, ma è Huawei stessa che potrebbe sconfiggersi da sola. C’è bisogno di una giusta direzione da seguire e una organizzazione dinamica, queste sono le vere sfide da affrontare. Se falliremo, moriremo!“.