3GIl tempo della rete 3G sta per finire ma non certo tra opinioni pacifiche che scindono il volere degli operatori da quello degli utenti. Sta di fatto che il segnale sparirà per sempre entro un biennio al massimo, giusto il tempo di consolidare la nascita delle infrastrutture di rete 5G che in Italia sono accolte con non poco cinismo per via dei potenziali effetti indesiderati sulla salute dovuti alle radiazioni.

Dobbiamo scoprire quali saranno le reti che potremo continuare ad usare attraverso telefoni, tablet e Personal Computer che potrebbero essere fermamente ancora a questo genere di connettività. Ecco le ultime novità da sapere.

 

Addio 3G: nuovo spazio per le reti veloci e qualche vecchia conoscenza

Tra non molto potremo usare soltanto la rete 2G per effettuare e ricevere chiamate ed SMS 2.0 oltre alla rete 4G per Internet Mobile Veloce nelle sue varie sfaccettature tecniche (Standard LTE, LTE Advanced, Plus e versione 4.5G ove previste). C’è sempre un terzo incomodo ma stavolta non sarà il segnale 3G che piuttosto lascia spazio alla Gigabit Network con 5G sintonizzato a frequenze 700 – 3500 MHz e 26 GHz mmWave. Preoccupano ma non ci sarà nulla da fare per la vecchia rete.

Allo stato attuale, infatti, l’evoluzione del comparto telefonico non prevede tale implementazione superflua che offre soltanto un’ancora di salvezza per connessioni 4G deboli. Velocità ed usabilità sono di basso livello rispetto agli standard qualitativi previsti dagli operatori per il decennio 2020 – 2030.

Già in studio, inoltre, un approccio alla rete 6G che muterà radicalmente l’esperienza di utilizzo online con novità degne dei migliori film al Cinema. Ulteriori informazioni nel corso delle prossime settimane. Non perdetevi tutte le anticipazioni.