xiaomi-mi-broswer-privacy-dati-raccolti-aggiornamento-google-android

Xiaomi ha risposto alle recenti accuse di raccolta di dati degli utenti aggiornando Mi Browser, Mi Browser Pro e Mint Browser. La società è stata accusata dagli esperti di sicurezza informatica dopo che un rapporto di Forbes descriveva in dettaglio come i suoi browser raccogliessero una quantità preoccupante di dati.

Secondo il rapporto, gli esperti di sicurezza informatica hanno scoperto che i browser di Xiaomi registravano tutti i dati di navigazione web di un utente, anche in modalità di navigazione in incognito.

Xiaomi cerca di rimediare con nuovi aggiornamenti

Come se non bastasse, sembra che questi dati venissero inviati a server remoti con “codifica facilmente crackabile”. Xiaomi ha negato le accuse e ha affermato che tutti i dati raccolti vengono inviati ai suoi server in modo anonimo. Xiaomi ha anche negato che i dati di navigazione fossero stati registrati in modalità di navigazione in incognito.

Secondo la società, i dati raccolti servivano solo per analizzare le statistiche di utilizzo. Ciò include: informazioni sul sistema, preferenze, utilizzo delle funzionalità dell’interfaccia utente, reattività, prestazioni, utilizzo della memoria e rapporti sugli arresti anomali. Questi dati non possono essere utilizzati per identificare un individuo, sostiene la società in risposta al rapporto di Forbes.

Come parte di un’ulteriore risposta, Xiaomi sta ora introducendo una nuova impostazione per la modalità di navigazione in incognito sui browser Mi e Mint. Questa nuova opzione consentirà agli utenti di annullare la raccolta di dati  in modalità di navigazione in incognito.

Questi aggiornamenti dovrebbero ora essere disponibili su tutti i browser del Google Play Store e sulle loro versioni precaricate.