virus tax non si farà

Le settimane si susseguono sempre più lentamente e del tanto tempo libero di cui i cittadini stanno godendo, vi sono delle particolari notizie che ne stanno giovando: le fake news. Questo periodo di isolamento sociale ha visto molte teorie nascere e morire, tra queste anche una che ha colpito il pensiero degli Italiani particolarmente: la Virus Tax; la possibile creazione di nuove tasse per andare a sanare quella che sta sfociando in un accenno di emergenza economica non è poi un idea così utopistica, ma la paura di dover mettere mani ai portafogli è stata più forte delle altre ragioni, contribuendo all’insorgenza di vere e proprie lamentele e preoccupazioni che hanno invaso i social network.

Davanti a questo impatto così grande generato da una fake news, il Governo ha preso parola facendo particolari affermazioni in merito a delle nuove tasse: scopriamo quali.

Virus Tax e tasse contro il coronavirus: il Governo non ne ha in programma

A sanare la situazione molto delicata è accorsa, per fortuna,  la Vice Ministra  Laura Castelli per il Ministero dell’Economia grazie alla quale si è ottenuta un’affermazione non indifferente, ossia che: “Abbiamo chiuso un decreto con le risorse deliberate dal Parlamento, che ha autorizzato uno scostamento dei saldi di bilancio di 25 miliardi. Chiunque voglia speculare con false notizie su eventuali tasse, si metta la mano sulla coscienza. Non c’è nulla di più falso. In un momento particolarmente delicato per il paese, mi sento di chiedere un aiuto anche al mondo dell’informazione per isolare le fake news. Noi, maggioranza e opposizione, stiamo collaborando più che mai per mettere in campo tutte le misure necessarie a fronteggiare gli effetti del coronavirus. Sia dal punto di vista sanitario, sia da quello economico. Faremo tutto quello che serve per sostenere l’Italia e gli italiani.“.

Nella giornata di ieri, inoltre, altri 400 miliardi sono stati stanziati a favore dell’imprenditoria con un  nuovo DPCM, dunque ancora una volta le tasse non sono state citate.