RaiUna nuova truffa sta colpendo tantissimi utenti sul territorio nazionale, in merito alla possibile abolizione del Canone rai, ovvero di una delle tasse più odiate in assoluto dalla popolazione del nostro paese. Il meccanismo alla base resta esattamente sempre lo stesso, parliamo infatti del più classico phishing.

Questi consiste sostanzialmente nell’invio di un messaggio di posta elettronica con mittente Agenzia delle Entrate, nel quale il malvivente cerca di convincere il consumatore di aver diritto ad un rimborso sul canone pagato, in quanto in fase di abolizione da parte del Governo. Nel corpo del testo è possibile trovare inoltre un link diretto ad un ipotetico sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, nel quale si dovrebbero poi inserire le proprie credenziali e le coordinate bancarie sulle quali ricevere il rimborso.

 

Canone Rai abolito: attenzione alla nuova truffa

E’ superfluo sottolineare che si tratta dell’ennesima brutta truffa ai danni dei contribuenti, se premerete il link vi collegherete ad un sito che nulla ha a che vedere con l’Agenzia delle Entrate. Dovete ricordare che l’Agenzia non vi proporrà mai il rimborso del canone, ancora meno tramite un messaggio di posta elettronica. Inserendo i propri dati andreste a consegnare le informazioni nelle mani di malviventi senza scrupoli che poi avrebbero via libera per svuotare il vostro conto corrente.

L’unica cosa che dovete fare è cancellare e dimenticare tutto; le persone esenti dal pagamento del canone Rai sono gli over 75 e coloro che possiedono un reddito annuo inferiore a circa 6000 euro, è possibile anche dichiarare di non possedere una televisione per mezzo di un modulo pre-compilato presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate.