Aggiornamento Google Chrome

Il browser più utilizzato al mondo non poteva che essere Google Chrome. Disponibile sia in versione desktop che mobile, questo servizio di Google non può che essere ritenuto la scelta migliore da numerosi utenti, i quali nel corso del tempo hanno iniziato ad apprezzare l’implementazione completa con gli altri servizi della Suite. È così: il  Browser web di Mountain View ha persino raggiunto quota  2 miliardi di download mettendosi un passo avanti ai suoi competitors.

Parlando, poi, oggettivamente di cosa gli utenti amano di Google Chrome, possiamo definite due  caratteristiche  le più salienti e sono: la possibilità di aggiungere estensioni e la già citata  integrazione con i numerosi servizi offerti dallo stesso Google. Tra questi non mancano Google immagini, Gmail, Google documenti e chi più ne ha, più ne metta.

costantemente aggiornato.  Gli ultimi mese, ad esempio, hanno visto rilasciare un corposo aggiornamento che ha interessato tutte le piattaforme interessate ed ospitanti. In altre parole sono stati compresi gli utenti di Windows, MacOS, Android e iOS.

Leggi anche:  Nascono i nuovi SMS e Google sfida Whatsapp con un nuovo servizio Gratis

Google Chrome si aggiorna: ecco tutte le novità del Browser

L’ultimo aggiornamento di Google Chrome ha apportato diverse migliore che partono dalla navigazione in incognito e procedono a passo spedito verso altre impostazioni. Concentrandoci si quella appena citata, dobbiamo riportare che con l’ultimo upgrade, essa ha iniziato a tutelare maggiormente gli utenti impedendo si si siti internet di sapere se la si sta usando oppure no.

Un’altra funzione molto attesa ed amata dagli utenti è, poi, la Dark Mode. Grazie all’ultimo aggiornamento, ora può essere attivata automaticamente ed è diventata più piacevole visto che lo schema dei colori è stato modificato per renderla più accurata.

Altra modifica ha coinvolto Adobe Flash, esso non riceverà più aggiornamenti a partire dal 2020 e proprio per questo motivo è stato disattivato come impostazione predefinita. Ovviamente chi vorrà potrà attivarlo ed utilizzarlo ugualmente attraverso l’apposita sezione nelle impostazioni avanzate di Chrome.