android-auto

Android Auto è il sistema di intrattenimento più amato dagli automobilisti. Fin dalla sua uscita è stato caratterizzato dalla facilità di utilizzo e da alcune funzioni innovative. L’aumento della sicurezza al volante costituisce poi un punto chiave nel suo successivo sviluppo. Dopo tutti questi anni di onorato servizio Google ha deciso di effettuare un corposo aggiornamento. Dal 2020 infatti dovrebbe arrivare in versione stabile un completo restyling dell’applicazione, con conseguente introduzione di alcune nuove funzioni.

A Mountain View hanno inoltre annunciato l’aumento dell’integrazione tra macchina e smartphone. Questo ridurrà ulteriormente le distrazioni alla guida. La tecnologia wireless dovrebbe poi sostituire la vecchia USB. L’intelligenza artificiale imparerà poi le nostre abitudini, aiutandoci nella gestione del veicolo ed aggiornandoci su eventuali problematiche.

Android Auto: vediamo le caratteristiche dell’aggiornamento

L’aggiornamento di Android Auto sarà disponibile per tutte le autovetture che presentano già la precedente versione. La nuova 4.4 arriverà quindi per tutte, tolte una seria di funzionalità che verranno pensate per i nuovi veicoli direttamente con le case automobilistiche. Il futuro infatti vedrà un lavoro congiunto tra Google e produttori per l’implementazione e l’integrazione di nuove caratteristiche.

Leggi anche:  Android Auto: scopriamo insieme le novità del nuovo aggiornamento

La personalizzazione e le funzioni speciali saranno quindi le prime conseguenze di queste nuovi collaborazioni, che di riflesso porteranno all’introduzione di un altra interessante novità. Verrà infatti aggiunta l’elaborazione delle informazioni tramite intelligenza artificiale.

Nei giorni scorsi sono poi arrivate alcune indiscrezioni, direttamente divulgate da uno sviluppatore Google. Dalle beta di Android Q sarebbe infatti scomparso ogni riferimento al sistema di intrattenimento. La mossa al momento non è ancora chiara, probabilmente però il produttore cercherà di bypassare l’uso dell’applicazione, inserendo le funzionalità all’interno del sistema stesso.