huawei-qualcomm-intel-apple-trump

Qualcomm e Intel vogliono che il governo degli Stati Uniti riconsideri il divieto di Huawei. Alcuni dei più grandi partner commerciali statunitensi di Huawei, tra cui Google, Qualcomm e Intel, hanno confermato di voler rispettare tutte le restrizioni imposte dall’amministrazione Trump. Queste stesse aziende, però, stanno cercando di convincerli che il divieto non è una grande idea.

Huawei lo ha suggerito quando ha cercato di minimizzare il potenziale impatto delle sanzioni statunitensi sulle sue “core technologies”.

Qualcomm e Intel si muovono silenziosamente

Apparentemente, sia Qualcomm che Intel sono stati in effetti “silenziosi” a far pressione per aiutare Huawei a uscire da questo pasticcio politico. Esso costerebbe, indirettamente, ai due maggiori produttori di chip e a molte altre imprese statunitensi una grande quantità di denaro. Secondo una stima, il secondo produttore mondiale di smartphone ha speso non meno di $ 11 miliardi sui vari componenti fabbricati negli Stati Uniti solo nel 2018.

Leggi anche:  Huawei Mate X certificato da TENAA: è quasi pronto al debutto ufficiale

Qualcomm e Intel erano naturalmente in procinto di ricevere una grossa fetta di quell’investimento. Ciò che queste società e forse altre in una situazione simile stanno discutendo è che il controverso ordine esecutivo del mese scorso dovrebbe essere rivisto. Questo per omettere “tecnologie che non si riferiscono alla sicurezza nazionale”.

Qualcomm vorrebbe continuare a vendere chip a Huawei per l’uso su smartphone, che “difficilmente presenteranno gli stessi problemi di sicurezza” del dispositivo di rete 5G del colosso tecnologico cinese.

Alla fine, l’obiettivo è “prevenire i danni alle compagnie americane”. Non è chiaro se il presidente Trump sarà persuaso da questi argomenti per attenuare la sua guerra commerciale con la Cina.