Chrome, il browser web di Google, viene quotidianamente utilizzato da milioni di utenti in tutto il mondo ed è ormai divenuto il principale punto di riferimento per chi cerca una soluzione che consenta di navigare in rete in modo semplice e veloce.

Se Google Chrome è oggi il browser web più utilizzato dagli utenti, ciò è dovuto al continuo rilascio di aggiornamenti volti a migliorarne le prestazioni, la fluidità, le funzioni e la sicurezza, come dimostra l’ultimo update che verrà rilasciato a breve, la versione 75.

Google Chrome si aggiorna introducendo novità che tutti aspettavano

I ragazzi di Android Police hanno rivelato otto funzioni inedite in arrivo con il prossimo aggiornamento di Google Chrome e adesso in fase di test nella versione Beta del browser di Mountain View.

Oltre le funzioni che elencheremo a breve, la nuova versione di Google Chrome pone enfasi sull’implementazione del tema scuro che ottiene adesso un menu specifico per la selezione delle opzioni rapide.

Ora, per quanto riguarda le otto funzioni inedite:

  1. Nuove opzioni per le animazioni web, disponibili per gli sviluppatori, con miglioramenti all’API Web Animation;
  2. Le richieste di rete sincrone quando una pagina web viene chiusa sono ora bloccate;
  3. I siti web riescono a rilevare se il dispositivo supporta una determinata dimensione del campione, latenza, frequenza di campionamento e conteggio dei canali per la riproduzione audio;
  4. Le funzioni “overscroll” e “scrollend” permettono alle pagine visitate di determinare quando il contenuto viene sottoposto a over-scrolling o quando lo scorrimento è terminato. Grazie a ciò è possibile creare, per esempio, animazioni pull-to-refresh del battitore;
  5. I fruitori del servizio ora appaiono nel Task Manager del browser di Google;
  6. L’API di autenticazione Web ora supporta i PIN per “chiavi che implementano il protocollo FIDO CTAP2”.
  7. Una funzione per il blocco degli iframe quando l’utente scorre oltre;
  8. Il metodo canvas.getContext ora supporta un suggerimento de-sincronizzato, che renderebbe più veloce le app Web che si basano sull’elaborazione di immagini o video.