kirin-710-huawei-nova

Lo scorso anno ad IFA 2018, Huawei ha fatto debuttare il Kirin 980, il primo System on a Chip realizzato con processo produttivo a 7nm. Il SoC rappresentava il cuore della gamma Mate 20 e poi ha caratterizzato tutti i top di gamma dell’azienda fino ad arrivare ai P30 e P30 Pro.

A distanza di un anno, Huawei ha già in cantiere l’evoluzione di questo SoC, il Kirin 985. Il processore sarà presentato quest’anno e sarà basato sempre su un processo produttivo a 7nm. In particolare, il produttore utilizzerà per la realizzazione la tecnologia Extreme Ultraviolet Lithography (EUV).

Grazie a questa scelta, Huawei prevede di migliorare le performance del SoC raggiungendo fino al 20% di prestazioni in più rispetto al modello precedente. Anche i consumi dovrebbero scendere, migliorando l’autonomia generale del dispositivo.

Stando alle indiscrezioni, gli ingegneri di Huawei stanno ultimando il design del SoC. Si tratta di uno degli ultimi step prima dell’avvio della produzione vera. Le linee produttive del Kirin 985 entreranno in funzione nei prossimi mesi. Il periodo migliore per avviare la produzione dovrebbe essere il terzo quadrimestre dell’anno. Infatti il SoC dovrebbe essere pronto per il debutto della nuova serie Mate 30.

Leggi anche:  Huawei P Smart 2020: svelate le caratteristiche tecniche da TENAA

Ovviamente diventerà il SoC di riferimento per tutti gli smartphone Huawei e Honor. Al momento non ci sono conferme riguardo le prestazione effettive, ma il Kirin 985 sarà certamente compatibile con le reti 5G. Al fianco del Kirin 985, il produttore cinese ha intenzione di lanciare il successore del Kirin 710. Questo SoC sarà il punto di riferimento per i device di fascia media di tutto il gruppo.