meteo

Le strade alberate si trasformano in fiumi a Charleston, nella Carolina del Sud del futuro. Un meteorologo appollaiato su un tetto in una simulazione spiega che questa è la visione che potremmo vedere nell’anno 2100 se il cambiamento climatico continuasse al ritmo attuale.

La scena è tratta dall’ultimo show di The Weather Channel, che collega le inondazioni ai ghiacciai in scioglimento e all’innalzamento del livello del mare.

Alcuni questioni hanno toccato il cambiamento climatico e il ruolo che ha nel peggiorare la situazione complessiva della terra, come gli incendi che bruciano la costa occidentale ogni anno o il ghiaccio che si assottiglia ricoprendo la superficie dei laghi. “Questo è il primo approccio in cui ci dedichiamo interamente sugli effetti del cambiamento climatico“, dice Matthew Sitkowski, produttore esecutivo presso The Weather Channel. “Questa volta, abbiamo deciso di mettere la questione al centro e renderla la stella dello show“.

 

Un metodo persuasivo davvero efficace

Per realizzare le sue previsioni, The Weather Channel utilizza una famosa piattaforma di sviluppo di videogiochi chiamata Unreal Engine per regolare la grafica in tempo reale. Nello show, vengono mostrate simulazioni in tempo reale di quello che potrebbe accadere tra 100 anni. Utilizzando la tecnologia di tracciamento della telecamera, il team di produzione mette il meteorologo nella scena.

Leggi anche:  il 5G potrebbe rendere le previsioni del meteo meno precise

Il risultato è una scena cinematica vivida e quasi realistica che cattura l’attenzione dello spettatore per gli stessi motivi dei videogiochi, afferma Edward Maibach, direttore del Centro per la comunicazione sul cambiamento climatico di George Mason University, che non è stato coinvolto nella produzione di questo clip. “Coinvolgendo i nostri sensi, lo show guadagna tutta l’attenzione degli spettatori, che vivono la cosa più come un’esperienza vissuta che come semplice informazione“, dice in una email inviata a The Verge.