5G: la nuova rete può causare l'estinzione della specie umana in 5 o 7 anni

Il 2019 è partito all’insegna del nuovo mondo che scaturirà dall’utilizzo dell’ormai famigerato 5G, il quale è stato oggetto di vari dibattiti. Sono moltissime le persone che ancora non hanno capito per bene come opereranno queste nuove frequenze, ma intanto hanno già una gran paura.

Infatti il fenomeno si è esteso a macchia d’olio e moltissime testate alla ricerca di click avrebbero riportato fake news a valanga. Queste avrebbero scaturito una credenza generale sui forti danni che il 5G potrebbe comportare, o magari sulle radiazioni. La parola proprio per tale ragione va lasciata agli esperti, i quali hanno incentrato i loro studi proprio su questa nuova tecnologia.

 

5G: secondo alcuni esperti potrebbero esserci dei problemi con le nuove frequenze per il genere umano, si potrebbe arrivare all’estinzione

Dopo averne sentite di tutti i colori, alcune persone hanno cominciato a documentarsi seriamente su quelli che potrebbero essere i risvolti del 5G. Un equipe di studiosi ha preso in esame il caso, lanciando un allarme incredibile.

Leggi anche:  DVB T2: cambio TV e Decoder obbligatorio per favorire il 5G

Ci sarebbe infatti una sorta di collegamento tra il 5G e alcune malattie sviluppate dagli utenti che sono state esposte alle frequenze per più tempo. Martin Pall, professore specializzato in biochimica, ha portato lumi proprio in merito al 5G. Proprio lui ha affermato che la nuova tecnologia non sarebbe sicura, a tal punto che potrebbe addirittura portare l’essere umano ad estinguersi.

I genomi umani, secondo Pall, potrebbero essere modificati dal campo magnetico generato dalle frequenze della nuova rete. A cambiare sarebbero ovuli e sperma, per cui saranno direttamente proporzionali le malformazioni nei bambini o la sterilità. L’estinzione arriverebbe dunque con il prossimo ricambio generazionale, dato che potrebbero non nascere più persone sane a tal punto da procreare.