gps problemi androidIl modello magnetico terrestre doveva essere modificato nel 2020, ma purtroppo gli studiosi hanno dovuto anticipare la data. Il campo magnetico sta mutando più velocemente del previsto e tutto ciò può causare problemi più o meno gestibili con i dispositivi GPS e di navigazione compresi quelli Android.

Il campo magnetico terrestre è fondamentale per la vita sulla Terra, in quanto fornisce protezione dal Sole e dalle radiazioni. È un fenomeno che varia nel tempo e non è stabile durante gli anni e per questo di tanto in tanto va aggiornata la posizione del campo magnetico e del polo nord magnetico sulle mappe come quella di Google Maps e del GPS. L’ultima volta che è stato aggiornato è stato nel 2015 e, in teoria, doveva essere riposizionato non prima del 2020. Però gli scienziati sono stati costretti a modificare quest’ultimo prima del 2020, ben con un anno di anticipo. Questo vuol dire che il campo magnetico sta mutando più velocemente del previsto e quindi l’anomalia è riscontrabile nelle profondità della Terra. Il motivo ti questa variazione improvvisa, purtroppo, non è stato ancora trovato e chiarito ma le ipotesi cadono sul movimento interno rapido del nucleo ferroso.

Tempo fa, nel 2016, si sono registrate altre anomalie, come quella rilevata nell’Ocean Atlantico, con un picco di intensità del campo magnetico, differente da quello registrato nello stesso posto qualche anno prima. Non sono fenomeni catastrofici e fanno parte del processo di mutazione terrestre, ma si tratta, però, di fenomeni che non sono completamente spiegati.

Dalle ricerche effettuate il polo nord magnetico sta scivolando lentamente dal Canada verso la Siberia, in modo particolarmente rapido negli ultimi 25 anni. Proprio questo spostamento potrebbe causare problemi ai sistemi GPS e alterare le informazioni dei software di navigazione come Google Maps.

Leggi anche:  Android regala 5 applicazioni a pagamento ai suoi utenti solo per oggi

Google Maps a rischio: il sistema GPS potrebbe non essere affidabile

La velocità del polo nord magnetico si è spostato di 2300 km e rispetto al 2000 la sua velocità è aumentata di 15 km/anno. Questo costante spostamento è un problema per le bussole e altri apparecchi elettronici.

Uno dei problemi dello spostamento del campo magnetico, infatti, è il problema che causa ai dispositivi come bussole, magnetometri e GPS, disorientandoli e non rendendo precisi questi strumenti.

Un altro problema è che molto probabilmente la variazione così brusca del campo magnetico costringerà i ricercatori a variare il modello globale magnetico con la massima urgenza. La modifica e l’aggiornamento del World Magnetic Model sono stati effettuati dopo un ritardo causato dallo shutdown del Governo degli Stati Uniti.

Il World Magnetic Model è il modello che descrive il campo magnetico e i dati forniti sono da riferimento per i sistemi che permettono la navigazione, geolocalizzazione, GPS, Google Maps, sistemi a bordo di navi e velivoli o su smartphone.

Quindi, dopo questi accertamenti della mutazione del campo magnetico tutti i nuovi dispositivi dovranno essere ricalibrati, tramite aggiornamenti automatici, basandosi sui nuovi dati forniti. L’aggiornamento è necessario altrimenti i sistemi di navigazione, in particolare quelli GPS, non possono essere utilizzati e per quanto riguarda le tecnologie utilizzate nelle navi e aerei, se non aggiornati, possono creare problemi seri.