android-q-versione-iniziale

Dovrebbe mancare poco al rilascio dell’anteprima della nuova versione di Android da parte di Google, un’anteprima ovviamente dedicata agli sviluppatori e non al pubblico. Se andiamo a vedere le solite tempistiche della compagnia allora questa avverrà a marzo, ma XDA Developers è riuscita a mettere le mani su una versione ancora più recente le cui specifiche sono state messe online così da poter essere viste da tutti.

Diversi aspetti, i quali possono essere visti nelle immagini alla fine di questo articolo, erano già comparsi tramite altri leaks come l’arrivo della tanto agognata Dark Mode ovvero la modalità oscura. Il suo funzionamento appare molto semplice ovvero dopo averla attività tutti i pannelli diventeranno di un grigio scuro e non solo. Apparentemente andrà a modificare le aspetto anche di altre applicazioni che non possiedono questa modalità di default; la funzione di per sé garantirà anche più durata alla batteria negli smartphone dotati di display OLED.

Android Q e le novità

Tra le novità ce ne sono alcune che riguardano la privacy e una di queste ha a che fare con la geolocalizzazione. Nel momento in cui si apre un’applicazione il sistema ci farà sapere se quest’ultima utilizzerà la nostra posizione; una notifica comparirà e ci dirà anche tutte le altre app attive che stanno facendo lo stesso. Un’altra novità che potrebbe rientrare in questa ottica di privacy, ma non solo riguarda la permanenza di alcune notifiche a schermo; si potrà impostare un tempo che nel momento in cui scade le fa scomparire.

Leggi anche:  Google e Amazon battono Whatsapp e FaceBook, Huawei al 25° posto

Oltre a questo vale la pena citare un nuovo sistema di preferenza relativo al download di driver dedicata alla grafica o l’avvio di più finestre di applicazioni. Tornando un secondo alla sicurezza ci sarà anche la possibilità di impostare un blocco allo smartphone che entrerà in funzione nel momento in cui il dispositivo riconosce di non essere al sicuro; questo aspetto andrebbe esplorato, ma al momento non è possibile. In ogni caso, c’è d’aspettarsi parecchio per questo Android Q.