Android 9 Pie

Neanche il tempo di gustarci Oreo 8.0 che già siamo in attesa di capire come e quando riceveremo sul nostro smartphone il nuovo Android 9 “Pie”, l’ultimo sistema operativo di casa Google.

Questo nuovo OS interagirà con l’utente a livelli di profondità mai visti. Pie riuscirà a capire le abitudini d’uso degli utenti e si comporterà di conseguenza apportando miglioramenti sulla durata della batteria. Allo stesso modo, il sistema operativo sceglierà la luminosità in base alle nostre scelte ed esigenze passate.

La novità è l’App Action, ovvero un sistema mediante cui Pie anticipa le azioni dell’utente, risparmiando tempo: se inseriamo le cuffie nel cellulare, vi compariranno le ultime canzoni ascoltate. La navigazione, infine, diventerà più veloce e intuitiva e, se ne avete bisogno, Android Pie vi aiuterà a porre dei limiti ad un uso troppo intenso che fate della smartphone.

Andiamo ora a vedere la lista degli smartphone che sicuramente sono già dichiarati pronti a ricevere Android 9 dai produttori. Altri device esclusi possono essere aggiornati con metodi manuali.

 

Android 9 Pie: ecco la lista aggiornata dei modelli che lo riceveranno

  • Samsung – Galaxy Note 9 e 8, Galaxy A6, A6 Plus, A8 e A8 Plus, Galaxy S8, S9 con le loro relative versioni Plus.
  • Huawei/Honor – Mate 10 Pro, P20 e P10 con le loro versioni pro, e P20 Lite. Honor 10 e V10.
  • LG – questi i modelli che sicuramente avranno Pie 9: G6 e G7, Q7 e Q8, V30 e V35, K8 e K10.
  • OnePlus – I modelli 3, 3T, 5, 5T e ovviamente OnePlus 6.
  • Sony – A novembre per Xperia XZ1 e XZ2 e, dopo, anche la serie Xperia XA.
  • Asus – Zenfone 5 e Zenfone 5Z. Dopo sarà il turno dei vari Zenfone 5 Lite, Zenfone Max e Max Plus, Zenfone Max Pro e Zenfone 4 Pro.
  • Xiaomi – Redmi Note 5 e la sua versione PRO, mentre ricordiamo che il Mi Max 2S ha già disponibile il beta-testing.
Leggi anche:  OnePlus 5 e 5T, arriva la versione beta di Android 9 Pie

Per ora è tutto ma, come vedete, c’è molta disponibilità dei produttori ad aggiornare i loro smartphone. Sicuramente la lista si amplierà, non ci resta dunque che attendere fiduciosi.