WhatsApp è una delle migliori applicazioni presenti sul Play Store, tuttavia, proprio perchè viene utilizzata da miliardi di persone al mondo, le truffe sono sempre dietro l’angolo. Nel tentativo di aiutarvi a prevenire qualsiasi tipo di problema, abbiamo pensato di realizzare un articolo in cui elenchiamo tutte le più diffuse truffe su WhatsApp.

WhatsApp, le peggiori truffe del momento

Sebbene WhatsApp sia una semplice applicazione di messaggistica istantanea, tutti i giorni in rete compaiono sempre più alert in merito a possibili truffe. Di seguito trovate tutte le peggiori truffe del momento.

Il finto rinnovo a pagamento

Proprio ieri vi parlavamo della truffa tramite la quale si annunciava il ritorno di WhatsApp a pagamento. Se ricevete messaggi di questo tipo, cancellateli, l’applicazione è e resterà sempre gratis.

I 100 euro di multa

Truffa molto in voga nelle ultime ore, molti utenti hanno ricevuto un messaggio tramite il quale si annuncia che saranno costretti a pagare 100 euro di multa. Niente di più falso, non credeteci. Ne abbiamo parlato qui.

I 20 euro in regalo

I soldi sono sempre alla base di tutte le truffe di WhatsApp. Se ricevete un messaggio in cui vi regalano 20 euro, non cascateci, nessuno, purtroppo, regala mai qualcosa per niente.

Leggi anche:  WhatsApp, con un trucco è possibile scoprire nome e cognome di chi ci spia

Album di Google Foto

Avete ricevuto un messaggio su WhatsApp con il quale si comunica la condivisione di un album, da parte di un utente?. Cliccando il link vi verrà installato un malware, cancellate immediatamente il messaggio.

Buono IKEA

In queste ore stanno circolando due truffe riguardanti la nota catena di mobili per la casa. Il buono da 500 euro ed il buono da 75 euro, non credete a nessuna delle due.

Queste, nel momento in cui vi scriviamo, sono le peggiori truffe del momento. Al solito vi raccomandiamo di prestare grande attenzione, nessuno vi invia messaggi tramite le app di messaggistica, in nessun caso. Non cascateci, ma sopratutto informate anche gli altri. Più gente conosce queste truffe, meno probabilità di successo per i malfattori.