Il nostro caro Francesco ha avuto l’incredibile opportunità di intervistare l’amministratore delegato di Lynk & Co presso il nuovo magnifico Club del brand appena aperto a Milano.

Francesco

“Siamo al Lynk & Co Club di Milano appena aperto e ho il piacere di essere qui con Alian VisserCEO Lynk & Co e adesso avremo una simpatica chiacchierata.

Chi è Lynk & Co? Abbiamo provato le tue auto. Tante persone del nostro canale del nostro blog conoscono le vostre auto e il vostro marchio.

Se vuoi puoi iniziare con una presentazione del tuo brand.”

Alian

“Diciamo che siamo il Netflix dell’industria automobilistica. Penso che Lynk & Co sia anche un movimento contro l’industria automobilistica. Vediamo una tendenza in cui le persone acquistano cose, ma spendono di più in esperienze. Quindi, ciò che offriamo è un’esperienza di mobilità, è un contratto mensile in cui ottieni questa macchina, tutto incluso, per un mese, per 550 euro, servizi assicurativi, ecc.

Ma, per di più, puoi condividere quell’auto e ridurre i costi tanto quanto condividi.

Quindi più lo condividi, più abbassi i tuoi costi. Non abbiamo concessionarie, abbiamo club. Quindi proviamo a creare questa esperienza. Esattamente. Abbiamo molti servizi.”

Francesco

” Dopo la nostra recensione della tua auto, abbiamo ricevuto molti commenti sul rapporto tra Link&Co e Volvo.Sappiamo che le vostre auto sono basate sulle auto Volvo.

Quindi, se vuoi spiegare meglio il rapporto tra i due marchi e anche quanto Volvo lavori con voi”.

Alian

“Siamo un’azienda totalmente indipendente da Volvo, ma siamo un marchio gemello.

Siamo di proprietà dello stesso proprietario. Il che significa anche che condividiamo la stessa tecnologia e gli stessi diritti.

Questa vettura condivide gran parte della stessa tecnologia di oltre XC40.

Si basa sulla stessa piattaforma della XC40 ma anche della Polestar 2.

Quindi sotto questo bellissimo design c’è una tecnologia molto simile a Volvo che ovviamente ci dà probabilmente anche la credibilità in termini di qualità e sicurezza. “

Francesco

“Quindi hai parlato dei servizi. Hai già spiegato che non è il solito modo di vivere l’auto, è un modo completamente nuovo.

Cosa vedi nel vostro futuro?”

Alain

“Crediamo che in futuro le persone acquisteranno sempre meno automobili, ma utilizzeranno sempre di più le automobili. Quindi ci piace essere marchi di superficie con un prodotto piuttosto che marchi di prodotto con una superficie”.

Francesco

” Adoro questo nuovo concetto. Quindi, se vuoi spiegare, cosa vuoi o cosa speri?”

Alain

“Sono contento che me venga fatta questa domanda perché uno degli elementi che ha creato la nascita di Link & Co è il fatto che l’auto su questo pianeta viene utilizzata mediamente per il cinque percento del tempo.

Sta fermo il 95 percento delle volte.

E lo vedi nelle città, ammettiamolo.

L’auto, per come la si usa oggi, non è il mezzo ideale per muoversi. Le città sono bloccate dalle auto. Quindi ciò di cui hai bisogno sono meno auto che vengono utilizzate più spesso.

Questo è quello che cerchiamo di fare con il nostro contratto mensile e con la condivisione.”

Francesco

“Sì, sono d’accordo ma ho un’altra domanda. Pensi che le persone siano pronte a condividere l’auto?

Alain

“La risposta onesta è che la maggior parte delle persone non è pronta. Vediamo che delle auto che abbiamo consegnato finora, solo il 20% è condiviso. Tuttavia questa percentuale sta crescendo velocemente.

E penso che l’idea che questa sia la mia macchina, che non condividerò, stia svanendo, le persone la condividono sempre di più, e più spesso.

Se 20 anni fa qualcuno avesse detto, avvierà un’azienda che ti permette di condividere la tua casa, la gente avrebbe riso. Ora Airbnb è una cosa normale.

Penso che le persone si abitueranno, prima o poi le persone accetteranno semplicemente che un’auto dovrebbe essere condivisa”.

Francesco

” Siamo in un posto bellissimo, il nuovo Link & Co Club di Milano, il secondo club in Italia.

Cosa significa questo club per Link & Co?”

Alain

” Ho sempre detto che puoi avviare qualsiasi azienda online ma non puoi creare un marchio online. Quindi hai bisogno di un punto di contatto fisico. Hai bisogno che le persone tocchino i prodotti con mano. Ed è quello che facciamo qui. Quindi penso che il club sia una prova fisica di ciò che diciamo sul nostro sito web.

Vogliamo portare in vita il marchio, in particolare i valori in termini di diversità e sostenibilità. È dirompente, è diverso.

Cerchiamo davvero di capovolgere l’industria automobilistica, essere un po’ provocatori, ma con senso dell’umorismo.

Ora abbiamo 10 club in Europa, di cui due in Italia.

È interessante notare che l’Italia è ora il secondo più importante dei nostri mercati in termini di reazione dei clienti. “

Francesco

” Vedremo nuovi modelli di Lynk & Co in futuro?”

Alain

Stiamo lavorando su un’auto completamente elettrica, ma non sarà entro il prossimo anno ma probabilmente tra due anni. Il futuro sarà sicuramente completamente elettrico. Oggi, guidare un’auto elettrica non è l’ideale perché non ci sono abbastanza infrastruttura di ricarica. Speriamo che i politici si sveglino.”

Articolo precedenteTIM, Vodafone e Fastweb, un flop il ricorso al Tar per pubblicità ingannevole
Articolo successivoiPhone 15 Ultra sarà il più costoso dei melafonini
Felice Galluccio
Appassionato di tecnologia ed elettronica in generale così come dello sport. Scrivere mi migliora la giornata, questo è il lavoro che amo! Never stop learning!