La Cina ha rilasciato nuove immagini sbalorditive scattate dalla superficie di Marte, utilizzando un’astronave diversa per la prima volta. La sonda Tianwen-1 ha acquisito con successo dati di immagini che coprono quasi l’intera superficie del Pianeta Rosso, incluso il suo polo sud, secondo quanto riportato dai media statali.

Il polo sud è di particolare interesse per gli scienziati perché la regione ghiacciata potrebbe svolgere un ruolo chiave nello scoprire se Marte è sede di vita aliena. La Cina ha scattato immagini di quella regione – e del pianeta in generale – in modo abbastanza dettagliato, utilizzando l’apposita navicella spaziale. La sonda ha fatto il giro del pianeta più di 1.300 volte da quando è arrivata su Marte all’inizio dell’anno scorso. La Tianwen-1 ha raggiunto con successo il Pianeta Rosso nel 2021 durante la missione inaugurale. Da allora un rover robotico è stato lanciato sulla superficie mentre un orbiter ha osservato il pianeta dallo spazio.

Marte: rilasciate le immagini esclusive del Pianeta Rosso scattate da una sonda lanciata dalla Cina

Tra le immagini scattate ci sono le prime fotografie del polo sud marziano scattate dalla Cina, dove sono bloccate quasi tutte le risorse idriche del pianeta. Nel 2018, una sonda gestita dall’Agenzia spaziale europea aveva scoperto l’acqua nei pressi del polo sud del pianeta. Localizzare l’acqua nel sottosuolo è la chiave per determinare l’eventuale presenza di forme di vita del pianeta. Oltre a fornire una risorsa permanente per qualsiasi esplorazione umana futura.

Altre immagini di Tianwen-1 includono fotografie del canyon Valles Marineris, lungo 4.000 chilometri e dei crateri degli altopiani più a nord. Tianwen-1 ha anche inviato immagini ad alta risoluzione del bordo del vasto cratere Maunder, oltre a una vista dall’alto dell’Ascraeus Mons di 18.000 metri (59.055 piedi), un grande vulcano rilevato per la prima volta dal Mariner 9 della NASA. Di seguito una carrellata delle immagini chiave.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.