Prodotti ritirati: colesterolo, dimenticatevi di prendere questo integratore alimentare

Proviene direttamente dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e dalla Commissione Europea l’allarme riguardante la monacolina K. Trattasi di un integratore alimentare derivato dal riso rosso e noto come la “statina naturale” contro l’ipercolesterolemia. Questo è stato individuato e posto nei possibili prodotti ritirati in quanto “presenta gli stessi rischi del farmaco lovastatina usato per il trattamento della patologia”. Che fine farà?

Prodotti ritirati: parla l’Ordinario di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari alla Statale di Milano

A partire dal 22 giugno su tutto il territorio europeo sarà vietata la vendita di prodotti contenenti singole porzioni per uso giornaliero di monacolina da riso rosso fermentato uguali o superiori ai 3 milligrammi. In base a un nuovo Regolamento della Commissione Europea questi prodotti se non aderenti a tali indicazioni saranno ritirati dal mercato.

Cosa dicono gli esperti?

Alberto Corsini, Ordinario di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari alla Statale di Milano, spiega: “Quello che è emerso dai dati di fitovigilanza è che ci sono una serie di casi. Trattasi di eventi avversi legati alla monacolina soprattutto col dosaggio di 10 milligrammi, ma anche con 3 milligrammi.

Eventi avversi sovrapponibili a quelli delle statine, almeno in grossa parte, quindi si presume che gli effetti collaterali che osserviamo con queste molecole siano da attribuirsi alla monacolina. Almeno la maggior parte, un 40% circa. Sono stati riportati casi di miopatie, dolori muscolari, una percentuale che osserviamo anche con le statine terapeutiche. Ma anche qualche problema epatico, qualche problema gastrointestinale, a livello di arrossamento, di prurito e con qualche effetto anche a livello cognitivo. Sono i tipici effetti collaterali delle statine per cui si presume che il grosso degli eventi avversi siano legati alla monacolina”.

“Riso rosso fermentato che contiene 10 mg di monacolina, è una quantità essenzialmente identica a una compressa di Lovastatina. Ovvio che questo non è possibile perché a quel dosaggio a tutti gli effetti lo possiamo considerare equipollente a una terapia medica: non è più un integratore ma un farmaco”.

“Il problema dell’integratore è che si trova anche nei supermercati, quindi chiunque può andare a comprarselo. Ci deve essere un filtro da parte del medico. E in più tutte queste considerazioni hanno portato a un foglietto delle indicazioni dell’integratore. Viene specificato il dosaggio, la posologia, quali sono i pazienti che non possono prenderlo”. Insomma, almeno un contatto con il medico ci deve essere prima di iniziare l’utilizzo dell’integratore”.

Avatar
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.