lucy

Un’astronave della NASA di nome Lucy è volatain cielo con diamanti sabato mattina in una missione di 12 anni per esplorare otto asteroidi.

Atlas V è decollato prima dell’alba, inviando Lucy in un viaggio che copre quasi 4 miliardi di miglia (6,3 miliardi di chilometri). I ricercatori si sono emozionati descrivendo il successo del lancio: lo scienziato capo Hal Levison ha affermato che è stato come assistere alla nascita di un bambino.

Lucy prende il nome dai resti scheletrici di 3,2 milioni di anni fa di un antenato umano trovati in Etiopia. Quella scoperta ha preso il nome dalla canzone dei Beatles del 1967Lucy in the Sky with Diamonds“.

In un video preregistrato per la NASA, il batterista dei Beatles Ringo Starr ha reso omaggio al suo defunto collega John Lennon, accreditato per aver scritto la canzone che ha ispirato tutto questo. “Sono così eccitato: Lucy tornerà in cielo. Johnny lo adorerebbe“, ha detto Starr.

Il paleoantropologo dietro la scoperta fossile di Lucy, Donald Johanson, ha avuto la pelle d’oca guardando Lucy volare: “Non guarderò mai piu’ Giove allo stesso modo“.

“Che un antenato umano vissuto così tanto tempo fa abbia stimolato una missione che promette di aggiungere preziose informazioni sulla formazione del nostro sistema solare è incredibilmente eccitante“, ha detto Johanson, dell’Arizona State University, che si è recato a Cape Canaveral per il lancio.

La missione da 981 milioni di dollari è la prima a mirare al cosiddetto entourage di Giove: migliaia, se non milioni, di asteroidi che condividono l’ampia orbita del gigante gassoso attorno al sole. Alcuni degli asteroidi troiani precedono Giove nella sua orbita, mentre altri lo seguono.

Nonostante le loro orbite, i Troiani sono lontani dal pianeta e per lo più dispersi l’uno dall’altro. Quindi c’è praticamente zero possibilità che Lucy venga travolta durante il tragitto, ha affermato Levison del Southwest Research Institute, lo scienziato principale della missione.

Il vero scopo della missione

Lucy lascera’ l’orbita della Terra il prossimo ottobre e di nuovo nel 2024 nel tentativo di ottenere abbastanza energia gravitazionale e raggiungere quindi l’orbita di Giove. Lungo la strada, la navicella spaziale supererà l’asteroide Donald Johanson tra Marte e Giove.

Attingendo energia da due enormi spinte circolari, Lucy inseguirà cinque asteroidi nel gruppo principale di Troiani. La navicella spaziale tornerà quindi verso la Terra per un altra spinta nel 2030.

Lucy passerà entro 965 chilometri da ciascun bersaglio: il più grande è di circa 113 chilometri di diametro.

Sono sicuro che rimarremo sorpresi da cio’ che troveremo“, ha detto Hal Weaver della Johns Hopkins University. “Non vediamo l’ora di vedere cosa riveleranno le immagini dalla sonda”.

La NASA prevede di lanciare un’altra missione il mese prossimo per verificare se siamo in grado di alterare l’orbita di un asteroide, una conoscenza che dovremmo assimilare il prima possibile nel caso in cui la Terra venga mai agganciata da un asteroide diretto in questa direzione.