Facebook in vendita i dati di un miliardo e mezzo di utentiL’informatore dietro una grande fuga di documenti interni su Facebook afferma che il gigante dei social media ha sempre privilegiato i propri profitti rispetto al bene degli utenti. Anche a costo di sfruttare le nostre emozioni, in particolare incitando hater e post pieni di rabbia.

Frances Haugen, ex product manager di Facebook, ha svuotato il sacco in un’intervista di 60 minuti. Haugen ha confermato che Facebook fomenta l’odio e la disinformazione dando priorità ai profitti. “La cosa che ho visto più e più volte erano i conflitti di interesse tra ciò che era buono per il pubblico e ciò che era buono per Facebook”. Haugen ha lavorato in diverse aziende, tra cui Google e Pinterest, ma “è stato sostanzialmente peggio lavorare per Facebook”. Il problema principale è stato un cambiamento che la società ha apportato nel 2018 ai suoi algoritmi, che decidono cosa vedono gli utenti nel feed di notizie della piattaforma.

Facebook: i profitti sono l’unica priorità dell’azienda secondo un’ex manager, anche a costo di renderci pieni d’odio

“Il feed stesso dimostra che il contenuto pieno d’odio, che divide, che è polarizzante, è più facile, ispira le persone alla rabbia, le tiene incollate allo schermo. Se la società cambiasse il suo algoritmo per essere al sicuro, le persone tenderebbero a trascorrere meno tempo sulla piattaforma, facendo clic su meno annunci e ottenendo meno soldi”. “Facebook guadagna di più quando si consumano più contenuti. Alle persone piace interagire con cose che suscitano una reazione emotiva. E più rabbia a cui vengono esposti, più interagiscono e più consumano”, spiega l’ex manager.

La società ha attivato temporaneamente i sistemi di sicurezza durante il periodo elettorale per ridurre la disinformazione. “Non appena le elezioni sono finite, li hanno disattivati ​​o hanno riportato le impostazioni a quelle che erano prima, per dare priorità alla crescita rispetto alla sicurezza”. L’azienda replica: “Proteggere la nostra comunità è più importante che massimizzare i nostri profitti. Dire che chiudiamo un occhio sul feedback ignora questi investimenti. Comprese le 40.000 persone che lavorano per la sicurezza su Facebook e il nostro investimento di 13 miliardi di dollari dal 2016″.