crioablazione

E’ stata creata una tecnica di trattamento meno invasiva chiamata crioablazione delle emi-ghiandole (HGCryo) che distrugge le aree della prostata dove si trova il cancro congelandolo.

Fornisce un alto tasso di controllo efficace del cancro alla prostata, secondo un nuovo studio pubblicato su The Journal of Urology, Gazzetta ufficiale dell’American Urological Association. La rivista è pubblicata nel portfolio Lippincott da Wolters Kluwer.

La libertà dal cancro, come documentato dalla biopsia, è stata trovata nell’82% degli uomini sottoposti a HGCryo“, secondo la ricerca di Ryan Chuang e colleghi dell’Università della California.

L’importanza dell’utilizzo della moderna biopsia prostatica guidata dalla risonanza magnetica (MRI) nel monitoraggio dell’efficacia di HGCryo viene sottolineata anche come parte di questo studio. La “crioablazione dell’emi-ghiandole” elimina il cancro clinicamente significativo nella maggior parte dei pazienti.

Nella procedura HGCryo, utilizzando un avanzato sistema di fusione ad ultrasuoni/MRI, gli aghi vengono posizionati con precisione all’interno e intorno all’area della prostata in cui si trova il cancro. Il gas argon viene quindi iniettato per creare temperature estremamente basse, distruggendo il cancro e l’area circostante.

Secondo lo studio, 61 uomini con cancro alla prostata clinicamente significativo (grado 2 o superiore) che coinvolge un lato della ghiandola prostatica, sono stati sottoposti a HGCryo. La crioterapia è stata eseguita utilizzando l’anestesia generale; i pazienti sono stati dimessi lo stesso giorno della procedura. I risultati sono stati valutati attraverso procedure di imaging e biopsie guidate da MRI.

Le biopsie sono state eseguite a 6 mesi in tutti i pazienti; 27 pazienti sono stati sottoposti a un’ulteriore biopsia dopo aver raggiunto 18 mesi. In entrambi i casi, le biopsie non hanno mostrato alcuna evidenza di cancro alla prostata clinicamente significativo nell’82% dei pazienti.

Ecco cosa prevede il nuovo metodo

Lo studio ha valutato tre diversi approcci bioptici per il monitoraggio degli esiti della terapia con HGCryo: monitoraggio di precedenti siti positivi al cancro, targeting bioptico delle lesioni visibili alla risonanza magnetica e biopsia sistematica dell’intera prostata utilizzando un modello standard. “Sebbene il monitoraggio della biopsia fosse il più sensibile, tutti e tre i metodi erano necessari per il massimo rilevamento del cancro“, scrivono il dott. Chuang e i coautori.

L’HGCryo ha fornito un notevole controllo del cancro anche in sei pazienti con tumori della prostata più avanzati (grado 3 o 4). Nessuno dei pazienti è morto a causa del cancro e nessuno ha sviluppato un cancro alla prostata metastatico.

Le complicanze postoperatorie di HGCryo sono state “generalmente lievi e di breve durata”. Non ci sono state complicanze gravi, inclusa l’incontinenza urinaria, una complicanza comune dopo l’intervento chirurgico per il cancro alla prostata. Un paziente ha sviluppato disfunzione erettile, che è stata trattata con successo con i farmaci.

La crioterapia è un trattamento approvato dalla FDA per il cancro alla prostata ed è sempre più popolare come alternativa meno invasiva alla chirurgia. Tuttavia, ci sono state prove limitate sulla sua efficacia a lungo termine nel controllo del cancro alla prostata. La maggior parte degli studi sulla crioablazione della prostata sono stati eseguiti prima della disponibilità della moderna risonanza magnetica multiparametrica della prostata, che può fornire “un percorso mirato per una biopsia precisa e un trattamento focale” nella maggior parte degli uomini con cancro alla prostata.