IPTV e multe: la GdF multa 100 mila utenti e chiude 600 siti

Nonostante siano davvero tante le soluzioni utili per avere in casa la TV a pagamento e il calcio che conta, gli utenti continuano ad essere assuefatti dall’illegalità. Esistono infatti tantissime piattaforme IPTV pirata che stanno facendo il bello il cattivo tempo soprattutto in Italia. Molte di queste includono al loro interno centinaia di migliaia di clienti, i quali non sanno di poter incappare in grandi problemi con la legge. La Guardia di Finanza infatti sta conducendo delle indagini molto attente sul territorio, producendo anche risultati ottimi.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: il caos generato dalla pirateria e le multe che possono arrivare da parte della Guardia di Finanza

Tantissimi utenti sarebbero stati beccati nelle ultime indagini condotte dalla Guardia di Finanza. Ben 600 tra piattaforme, server e siti sarebbero stati bloccati ultimamente, con circa 100.000 utenti identificati da parte delle forze dell’ordine. Secondo quanto riportato, le multe che arriveranno non andranno al di sotto dei 1000 €.

Il susseguirsi di azioni di contrasto sempre più frequenti ed efficaci sono il risultato della stretta collaborazione tra industria e forze dell’ordine, a cui vanno i nostri ringraziamenti per l’impegno nella lotta ad un fenomeno criminale che danneggia l’intera industria sportiva, dallo sport amatoriale, agli appassionati, fino ai detentori dei diritti e i broadcaster, distruggendo posti di lavoro e creatività“.