blank

Il mondo della telefonia nella nostra epoca è certamente cucito in modo davvero profondo nel tessuto sociale, tramite gli smartphone infatti possiamo compiere sostanzialmente di tutto, grazie sia al progresso che li ha investiti negli ultimi dieci anni e grazie anche ai vari cambiamenti avvenuti a livello legale, infatti ora tramite cellulare è possibile anche stipulare contratti con le utenze ad esempio.

Ovviamente tutte queste possibilità costruttive hanno anche un lato oscuro, l’altro lato della medaglia, legato direttamente all’uso che un utente fa di questi strumenti, a incarnare il dark side ci pensano ovviamente i truffatori, i quali sfruttano la telefonia per cercare di derubarvi e fare soldi.

Proprio in questo contesto, sta recentemente circolando una nuova truffa telefonica chiamata Ping Call, essa punta sostanzialmente a far cadere in errore l’utente, ma vediamo i dettagli.

Richiamare è letale

La Ping Call è una tipologia di truffa che non cercherà di rubarvi credenziali bancarie o altro, bensì il credito della SIM, rendendovi in un certo senso concorrenti nella truffa che vi sta derubando, essa si basa infatti sul desiderio di richiamare di un utente dopo avere visto una chiamata persa.

La truffa infatti si palesa in uno squillo di pochi secondi, effettuato però con dei numeri particolari, si tratta di utenze che presentano un costo al minuto di chiamata davvero elevato, 10 o 20 euro al minuto, il che si tradurrebbe in caso di richiamata in cifre esorbitanti per appena qualche secondo di chiamata.

Ovviamente a ciò si aggiunge anche l’atteggiamento dei truffatori, i quali cercheranno in tutti i modi di tenervi attaccati alla cornetta, fingeranno infatti interferenze oppure false suonerie di attesa proprio per allungare i tempi.