Apocalisse: la cruda realtà sul cambiamento climatico secondo il Ministro Cingolani

La preoccupazione da un anno a questa parte ha preso il nome del coronavirus. La situazione di crisi che sta soffocando l’Italia ha messo però in secondo piano i danni ambientali e il riscaldamento climatico che continuano a peggiorare di giorno in giorno. A far luce su questo secondo grande dilemma attuale, ci pensa il ministro Roberto Cingolani, che ha la delega per la Transizione ecologica. Egli ha parlato chiaro e con tono severo affermando che l’apocalisse è già in atto: “I modelli climatici dimostrano inequivocabilmente come il climate change sia già in corso… l’ulteriore aumento del riscaldamento climatico è oramai inevitabile, anche in scenari ambiziosi di progressiva decarbonizzazione, il cambiamento climatico ha preso una piega irreversibile”.

L’Italia, rispetto agli altri Paesi, è più esposta ai rischi climatici: “Nelle aree costiere ci saranno 19 centimetri di innalzamento medio del livello mare con +2 gradi… E anche se sembrano poco la penetrazione sarà rilevante, con siccità e desertificazione delle regioni del Sud”. Ha proseguito: I rischi non saranno fra sei generazioni ma ora, riguarderanno i bambini che stanno uscendo da scuola”. “C’è un mio impegno personale per spiegare a bambini e genitori, ai lettori di giornali e ai giornalisti” perché fuori di qui non c’è percezione della gravità della situazione. Purtroppo non si tratta di un falso allarme.

Apocalisse: i provvedimenti di Virginia Raggi a Roma

Parlando sempre di problemi legati all’ambiente, interviene Virginia Raggi con la questione dei gatti di San Giovanni. La sindaca ha detto: “Negli ultimi giorni alcune associazioni animaliste del quartiere San Giovanni ci hanno segnalato la sparizione di numerosi gatti. Un caso inquietante, che ho voluto approfondire di persona andando a incontrare questi cittadini”. Ed ha aggiunto: “Dopo essermi confrontata con il Coordinamento Gatti di via Lavinio, ho contattato all’istante le forze dell’ordine e ho predisposto un’ordinanza che impedisce alla signora di tenere animali nel suo appartamento e dispone di trasferire i gatti in suo possesso in un luogo idoneo. Era necessario trovare una soluzione. Gli animali vanno sempre tutelati e difesi”.