ho mobileSi continua a parlare dell’attacco hacker che ai danni di Ho Mobile. I dati personali di circa due milioni e mezzo di utenti sono finiti sul Dark Web dove possono essere acquistati per circa 500 euro. La notizia, riportata da Bank Security, nei giorni scorsi aveva suscitato grande allarme tra i possessori di un contratto con la compagnia.

Adesso Ho Mobile sta tentando di smentire le notizie che stanno circolando da qualche giorno, assicurando di non aver subito alcun furto dai propri database. Dichiarazioni che però cozzano con le tantissime segnalazioni da parte di utenti proprio in merito al furto dei dati. Una situazione quantomeno scomoda per la compagnia che in caso di conferma dovrebbe giustificarsi con la propria clientela.

Ho Mobile: quali dati sono stati sottratti

Con riferimento ad alcune indiscrezioni pubblicate da organi di stampa Ho Mobile non ha evidenze di accessi massivi ai propri sistemi informatici che abbiano messo a repentaglio i dati della custumer base. Abbiamo avviato in collaborazione con le autorità investigative le indagini per ulteriori approfondimenti“. Queste le dichiarazioni della società.

Fortunatamente tra i dati sottratti non sarebbero presenti i numeri delle carte di credito e le password; tuttavia numeri di telefono, email, indirizzi e persino l’ICCID delle schede SIM sarebbero stati sottratti. Grazie a questi dati sarebbe possibile creare una copia della scheda SIM degli utenti. Un vero guaio per gli utenti del gestore telefonico virtuale che adesso dovrà trovare il modo di risolvere la faccenda nella speranza che questi fatti possano venire sempre meno frequentemente.