app carta d'identità elettronica 2020Riuscire ad avere una Carta d’identità Elettronica sul proprio smartphone si configura come vera e propria comodità. La versatilità di una soluzione simile si osserva in diversi frangenti. Nell’imminente estate, ad esempio, potremmo evitare di portarci dietro il portafogli usando soltanto il nostro telefono come mezzo di identificazione ed accesso ai servizi pubblici.

Ormai non si tratta più di un’utopia dopo l’arrivo dell’app ufficiale ora disponibile gratuitamente per Android ed iOS. Prima di scoprire come funziona specifichiamo che NON TUTTI i device sono idonei all’uso di tale tecnologia. Occorre rispettare alcuni requisiti essenziali che indicheremo più avanti.

 

Requisiti per l’uso della Carta d’identità Elettronica Digitale (CIEd)

Si chiama CIEd ed è stata coniata ed approvata sotto forma di bit dall’Istituto Poligrafico della Zecca di Stato. Si parla della nuova applicazione mobile ad uso e consumo di chi rispetta i seguenti requisiti tecnici.

 

Android

Compatibilità garantita a coloro che possono contare la presenza del chip NFC nonché di una versione di sistema minima pari ad Android 6.0 o versione successiva.

 

iOS

Uso abilitato per i dispositivi a partire da iPhone 7 con riferimento esplicito ai modelli cronologicamente validi aggiornati ad iOS 13 ed indicati in elenco:

  • iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone X, iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone XR, iPhone 11, iPhone 11 Pro, iPhone 11 Pro Max e iPhone SE 2020

Inserimento carta d’identità elettronica su telefono

Soddisfatte le precedenti richieste occorre salvare la carta d’identità sul telefono. Come si fa? Basta avere:

  • CIE di ultima generazione
  • PIN ad 8 cifre (4 rilasciate all’atto della richiesta e 4 ricevuta con la carta)
  • app CIEd installata su smartphone

L’autenticazione si effettua con la pressione di un semplice pulsante sul dispositivo. In particolare occorre individuare il riferimento “Entra con CIE”, presente su tutti i servizi abilitati. A questo punto si inserisce la seconda parte del PIN e si avvicina la carta al telefono dopo aver abilitato NFC. L’app configura la carta per l’accesso a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione allo stesso modo di una soluzione PosteID o SPID.