poste-italiane-truffe

Le truffe che circolano sul web sono le più insidiose. Il loro scopo è sempre lo stesso: svuotare il conto corrente delle vittime più ingenue. L’ultimo allarme arriva direttamente dall’account Facebook della Polizia di Stato che denuncia l’ormai noto tentativo di phishing.

Il malfattore attacca la sua vittima con un primo passo, rappresentato dall’invio di una mail nella quale viene accennato un tentativo di accesso da un dispositivo sconosciuto. Per ripristinare l’accesso al conto corrente online delle Poste Italiane, invita successivamente l’utente a cliccare su un link e a fornire i propri dati di accesso al servizio finanziario. Purtroppo ci si ritroverà su un sito che sembra quello delle Poste italiane, ma che in realtà è stato creato a regola d’arte dai ladri del web.

Poste Italiane: i trucchi più efficaci contro le frodi

Innanzitutto ricordate che Poste Italiane non chiede mai i dati personali (utenza, password, codici di sicurezza per eseguire una transazione). Se dovesse capitarvi dunque, saprete bene che si tratta di una frode. In tal caso non cedete nessuna informazione, per prevenzione.

Prima di dare fiducia alla mail appena ricevuta, assicuratevi sempre che sia reale (ovviamente dando un’occhiata all’indirizzo e-mail del mittente). Inoltre, se doveste avere dei dubbi, non scaricate nessun tipo di allegato né cliccate per alcun motivo sul link nel messaggio.

In ogni caso segnalate a Poste Italiane le e-mail di phishing inoltrandole all’indirizzo antiphishing@posteitaliane.it ed eliminatele anche dal cestino; Infine scaricate l‘app con il servizio gratuito di push notification per essere informati in tempo reale sui pagamenti  effettuati con il vostro conto corrente.