twitter coronavirus

Twitter sta intensificando le sue politiche contro la disinformazione sul coronavirus. La compagnia vieterà i tweet che perpetuano affermazioni di cure false e altre informazioni specifiche che potrebbero incitare al panico o danneggiare gli sforzi ufficiali per combattere la pandemia.

In base alle politiche , la società richiederà agli utenti di rimuovere i tweet che negano “la consulenza di esperti“, promuovono “trattamenti falsi o inefficaci” o condividono “contenuti fuorvianti che pretendono di provenire da esperti o autorità“.

Le nuove regole coprono un’ampia varietà di bufale e altre forme di disinformazione che sono circolate sui social media dall’inizio della pandemia di coronavirus. Ad esempio, un elenco virale di “suggerimenti”, presumibilmente dell’Università di Stanford, è stato ampiamente condiviso sui social media la scorsa settimana. L’elenco è stato sfatato più volte, ma molte delle false affermazioni fatte nel post – come quella che devi trattenere il respiro per dieci secondi per rilevare il COVID-19 – stanno ancora spuntando su varie piattaforme.

Twitter insieme ad altre aziende tecnologiche si uniscono contro la disinformazione

Twitter ha dettagliato diversi esempi dei tipi di tweet che verrebbero rimossi in base alle nuove regole, inclusa l’affermazione di trattenere il respiro. In particolare, le nuove politiche escludono anche i tweet che contengono affermazioni più fuorvianti, come “COVID-19 non infetta i bambini” o “l’allontanamento sociale non è efficace“. Sono stati inoltre trattate: “affermazioni specifiche e non verificate che incitano le persone all’azione e causano un panico diffuso, disordini sociali o disordini su vasta scala“, nonché “affermazioni specifiche e non verificate fatte da persone che impersonano un governo o un funzionario o un’organizzazione sanitaria“.

La società nota che potrebbe rimuovere i tweet anche se provengono da account parodici o “fatti per scherzo”.

Un portavoce di Twitter ha dichiarato che, per ora, non esiste un modo per i singoli utenti di segnalare questo tipo di contenuto e che la società sta lavorando con partner di terze parti per identificare queste affermazioni. Twitter ha anche affermato che utilizzerà l’apprendimento automatico per combattere la disinformazione sul coronavirus.

La repressione arriva da quando le piattaforme dei social media sono state messe sotto pressione per assumere una posizione più aggressiva sulla disinformazione riguardo il coronavirus. Le azioni di Twitter derivano dagli annunci di Facebook, che prevedono di educare gli utenti sull’importanza del distanziamento sociale durante la pandemia. Twitter e Facebook, insieme a molte altre importanti aziende tecnologiche, hanno anche rilasciato una dichiarazione congiunta per promuovere il loro impegno nella lotta contro la frode e la disinformazione.