MWC 2020, Mobile World Congress, Coronavirus

La minaccia del Coronavirus è un’emergenza che sta avendo gravi ripercussioni in tutto il mondo. Nonostante l’epidemia sia per lo più concentrata in Cina, i primi effetti si stanno notando in tutti i paesi anche distanti dall’epicentro.

A farne le spese, tra gli altri, sono i giganti dell’elettronica che in questi giorni si trovano ad affrontare una situazione inaspettata. La paura del contagio sta impattando anche sulle fiere dell’elettronica e sulle convention che per sicurezza vengono rimandate.

Anche il fare i conti con il Coronavirus c’è anche il Mobile World Congress 2020. La fiera si terrà a Barcellona dal 24 al 27 febbraio e si tratta di una delle fiere più importanti del mondo. Fino a qualche giorno fa, l’evento era fortemente a rischio, considerando che molti produttori hanno rinunciato a partecipare.

Oggi invece, tramite una comunicazione ufficiale da parte degli organizzatori, possiamo avere la conferma che il MWC 2020 si farà. IL GSMA ha assicurato che gli esibitori che parteciperanno ufficialmente al MWC 2020 saranno oltre 2800. Storicamente i produttori provenienti dalla Cina sono circa 5-6 mila e rappresentano oltre il 5% dei partecipanti.

Il MWC 2020 si farà nonostante il Coronavirus

Brand importanti come ZTE e Huawei hanno confermato la loro presenza, ma molti altri hanno deciso di non partecipare. Tra questi figurano nomi come LG, ASUS, Nvidia, Amazon, ASUS, Ericsson. Nonostante non ci saranno eventi dal vivo, alcuni produttori hanno confermato che durante il MWC 2020 ci saranno delle presentazioni live in streaming.

Per garantire la tranquillità di tutti i partecipanti, il MWC 2020 potrà contare su elevatissime misure di sicurezza. Il GSMA sta collaborando a stretto contatto con le autorità spagnole, i partner e tutte le agenzie rilevanti per prevenire possibili problemi. In questo modo, sarà possibile assicurare la sicurezza di tutti gli esibitori e degli ospiti che visiteranno la fiera.

Al fine di evitare possibilità di contagio, tutti i viaggiatori provenienti dalla provincia di Hubai non potranno partecipare all’evento. Tutti i viaggiatori che sono stati in Cina dovranno dimostrare di non essere stati nel Paese nei 14 giorni precedenti all’evento. I sistemi per controllare la temperatura sanno implementati ma come sempre in questi casi, i visitatori dovranno stare attenti per la propria incolumità. Per questo motivo saranno posizionati sistemi di pulizia e disinfettanti presso ogni touchpoint.

Ulteriori misure di sicurezza sono in fase di approvazione e gli organizzatori certamente rilasceranno ulteriori informazioni nei prossimi giorni.